*
  
*
*
*
Login 
  mercoledì 19 dicembre 2018 Registrazione 
 G.M.T. - TRENTO Riduci

ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE

Iscritta nel Registro delle Associazioni di Promozione Sociale della Provincia Autonoma di Trento in data
9 agosto 2018 al n° 576

L’ATTO COSTITUTIVO

IL NOSTRO STATUTO

LETTERA AI SOCI 2018
CONSUNTIVO 2018 E
PROGRAMMI 2019


Syndicate   Stampa   
 PRIVACY Riduci
TRATTAMENTO DATI

Con il 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR).
Il Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica sta aggiornando la propria politica sulla privacy per ottemperare a quanto disposto con l’entrata in vigore del GDPR (come da Regolamento UE 2016/679).
Con questa comunicazione informiamo che il gruppo Modellistico Trentino di Studio e Ricerca Storica detiene e conserva in modo sicuro i vostri dati rivenienti dalla visione di questo sito, utilizzandoli esclusivamente per gli scopi statutari e assicura che tali dati non saranno ceduti a terzi.
La visione di questo sito comporta l’implicita accettazione della nostra politica sul trattamento dei dati.

PUBBLICATO IL 25/05/2018

Syndicate   Stampa   
 IL NOSTRO SITO Riduci
Cliccando nella sovrastante BARRA BLU si possono aprire le varie “finestre” del nostro sito. In tal modo si potrà vedere CHI SIAMO (visitando anche la FOTO GALLERY dei modelli realizzati dai nostri associati), conoscere gli studi dei nostri Soci - e non solo - messi a disposizione di tutti gli appassionati di storia e di modellismo nonché le ricerche pubblicate nei nostri LIBRI e nella nostra RIVISTA. Si potranno, inoltre, leggere gli ARTICOLI scritti dai nostri collaboratori, rivivere i più importanti EVENTI G.M.T.che abbiamo realizzato in tutti questi anni, o, infine, entrare nei più interessanti siti in materia di storia e modellismo presenti sul web tramite I LINK.
Inoltre, per migliorare sempre più le nostre immagini a disposizione di tutti gli appassionati di modellismo, abbiamo attivato una “Foto Gallery ad alta definizione”. Puoi vederla cliccando nel link sottostante:

FOTO GALLERY H.D.



Alcuni dei modelli presenti
nelle nostre “Gallerie”.


Buona visione a tutti!

AGGIORNATO IL 2.03.2018

Syndicate   Stampa   
 I NOSTRI INDIRIZZI Riduci

GLI INDIRIZZI DEL G.M.T.

GRUPPO MODELLISTICO TRENTINO

SEDE SOCIALE

Via Abondi 9 – TRENTO
c/o Circolo Culturale
“La Ginestra”

La Sede è aperta su richiesta dei Soci o in occasione degli incontri periodici. Per la richiesta di apertura è sufficiente contattare con adeguato anticipo il nostro Segretario, Flavio Chistè, al numero 333/2685578.
Per chi viene da fuori Trento, cliccando nel link sottostante può stampare una comoda piantina per raggiungerci.

PIANTINA SEDE (PDF)


E-MAIL DEL GRUPPO:
info@gmtmodellismo.it


PRESIDENTE E
RAPPORTI CON I SOCI:
mirko.daccordi@tin.it


VICE-PRESIDENTE,
GESTIONE DEL SITO WEB E
RESPONSABILE DEL SETTORE NAVALE:
guido.ercole@gmtmodellismo.it


SEGRETARIO:
flavio.chiste52@gmail.com
cell. 333 2685578


FOTOGRAFIA :
fotocorona@gmail.com


MOSTRE MODELLISTICHE:
girolamo.lorusso.gl@gmail.com


RAPPORTI CON IL
MUSEO CAPRONI
massimocosi@tiscalinet.it


Corrispondenza:

G.M.T. – Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica
c/o Flavio Chistè
Via S.Anna, 73 - Gardolo
38121 TRENTO TN

CI TROVI ANCHE SU



A QUESTO LINK:


GMT SU FACEBOOK


GRUPPO ADERENTE AL



AGGIORNATO IL 6.11.2018

Syndicate   Stampa   
 LA NOSTRA RIVISTA Riduci
Il ”NOTIZIARIO MODELLISTICO”

Il G.M.T. – Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica pubblica da circa trent’anni il ’Notiziario Modellistico’’ che è la rivista ufficiale del Gruppo e viene inviata gratuitamente a tutti i soci.


Le copertine degli ultimi numeri.

Vengono pubblicati tre numeri ogni anno e, in ogni numero, sono presenti articoli storico-modellistici che trattano le varie specialità del modellismo statico: aeronautico, navale, figurinistico, dei carri e dei mezzi militari o civili.
Partiti da un semplice ciclostilato fatto in casa, la rivista si è via via evoluta passando alla stampa e, negli ultimi numeri grazie anche ai progressi introdotti dai personal computer sempre più ‘’grafici’’ ed evoluti, anche al colore.
RICORDIAMO COMUNQUE CHE IL ”NOTIZIARIO MODELLISTICO” VIENE REALIZZATO IN TIRATURA LIMITATA ESSENDO UNA PUBBLICAZIONE GRATUITA DESTINATA AI SOCI. LA DISPONIBILITA’ RESIDUA E’ QUINDI, SEMPRE, MOLTO RIDOTTA. PERTANTO, PER OTTENERE REGOLARMENTE TUTTI I NUMERI, E’ OPPORTUNO DIVENTARE SOCI DEL G.M.T.
Cliccando nel link sottostante puoi avere un’idea dei nostri lavori e vedere anche gli argomenti trattati dal 1985 ad oggi. Ci sono anche le istruzioni per i non soci che desiderassero procurarsi i numeri finora usciti e ancora disponibili del nostro ‘’Notiziario’’ .

IL NOTIZIARIO MODELLISTICO




Il Gruppo Modellistico Trentino tutela i propri collaboratori non diffondendo i loro dati personali o i recapiti. E’ tuttavia possibile contattare gli autori od ottenere chiarimenti in merito a quanto pubblicato contattando il Direttore Responsabile della testata, all’indirizzo:

direttorenotiziario@
gmtmodellismo.it

AGGIORNATO IL 4.11.2018

Syndicate   Stampa   
 NEWS G.M.T. Riduci
TRASFORMAZIONE
DEL G.M.T. DA
“ASSOCIAZIONE CULTURALE”

IN “A.P.S. – ASSOCIAZIONE DI
PROMOZIONE SOCIALE”
Il 30 giugno 2018 si è svolta a Trento un’Assemblea Straordinaria dei Soci del Gruppo durante la quale è stato approvato un nuovo Statuto per consentire alla nostra Associazione di mutare la propria classificazione da Associazione Culturale in A.P.S. Associazione di Promozione Sociale, processo resosi necessario a seguito dell’entrata in vigore della Legge n. 106 del 6/6/2016 (Riforma del Terzo Settore) e del DL 117/2017 (introduzione del Codice Unico del Terzo Settore).
Puoi seguire l’iter procedurale di questa iniziativa e vedere il nuovo Statuto, già approvato, cliccando nel link sottostante.

ASSEMBLEA STRAORDINARIA
DEL 30 GIUGNO 2018


AGGIORNATO IL 27 LUGLIO 2018

Syndicate   Stampa   
 TECNICHE MODELLISTICHE Riduci
Cliccando nei LINK sottostanti puoi trovare o stamparti interessanti documenti scritti da nostri Soci per approfondire le tue conoscenze tecniche e migliorare le tue capacità modellistiche.

ALCLAD ALC-204
HOLOMATIC SAPPHIRE

AEROGRAFIA E
PLASTIMODELLISMO

TRUMPETER
LINE ENGRAVER

TRUMPETER
DECAL TRAY

TRUMPETER
SANDPAPER GRIP

GMT EXPERIMENTAL
COME REALIZZARE UN AN/ALQ.144

BASI IN CARTONCINO PER DIORAMI
“NOY’S MINIATURE”


AGGIORNATO IL 13.07.2015

Syndicate   Stampa   
 SUGGERIMENTI G.M.T. Riduci

Syndicate   Stampa   
 NEWS GMT Riduci
Mostra fotografica

GUERRA IN VALSUGANA

Logistica dietro il fronte 1915-1918


Appuntamento sabato 9 dicembre, alla Casa della Cultura (ex-caseificio) di Caldonazzo per la conferenza di presentazione della mostra “Guerra in Valsugana. Logistica dietro il fronte 1915-1918”, realizzata da un gruppo di storici coordinati dal prof. Gustavo Corni e a cura dell’Associazione Culturale Chiarentana e dell’Associazione Forte Colle delle Benne di Levico; mostra realizzata anche grazie al supporto del Comune di Caldonazzo e della Comunità di Valle Alta Valsugana-Bersntol, della PAT e della Cassa Rurale Alta Valsugana e che gode del patrocinio del Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Trento.


La locandina della mostra.


La mostra fotografica che riassume la ricerca è stata allestita nello spazio Valentini in Piazza Vecchia a Caldonazzo e durerà sino a sabato 22 dicembre.
Proprio al prof. Corni, già docente di Storia Contemporanea presso la Facoltà di Lettere di Trento abbiamo quindi chiesto qualche informazione in più sull’intero progetto: “L'idea di un volume dedicato all’argomento è nata dalla considerazione che la logistica è tutto l’insieme di reti e infrastrutture indispensabili per far funzionare un esercito. E proprio nella Prima Guerra Mondiale la logistica assume un valore molto importante per le dimensioni delle forze in campo e per la modernità del conflitto. L’Alta Valsugana ha poi una valenza cruciale per preparare la guerra già dalla metà dell’ottocento, ma nonostante la sua importanza il tema è stato poco studiato finora. Abbiamo perciò messo in piedi un piccolo gruppo di giovani storici, attorno ai 35 anni di età in media, per studiare questo tema nei vari aspetti”. Le informazioni sono poi state reperite in vari archivi, spiega ancora il prof. Corni: “abbiamo lavorato a tappeto negli archivi locali e in quelli di Vienna, che sono una vera miniera. Siamo stati aiutati anche da molti collezionisti che hanno messo a disposizione le loro raccolte, spesso uniche. Con pazienza abbiamo quindi messo insieme un fondo di documenti molto ricco, e per lo più poco o nulla conosciuto che ha permesso di realizzare i volumi e la mostra”.
Per l’occasione sono stati presentati i due volumi pubblicati dalla Casa Editrice Curcu & Genovese che accompagnano la mostra e che riassumono gli studi effettuati sull’argomento.


La copertina del libro “Preparare la Guerra”
Logistica e Militarizzazione del territorio in Alta Valsugana.


Il primo libro dal titolo “Preparare la guerra – Logistica e Militarizzazione del territorio in Alta Valsugana” raccoglie saggi di diversi autori, tutti dedicati, come dice il titolo, allo studio del processo di militarizzazione del territorio dell’Alta Valsugana a partire dall’Ottocento e sino al 1918. Si tratta di ricerche fatte su punti cruciali della trasformazione del territorio per preparare la guerra e poi per la sua condotta, analizzando i rapporti fra civili e militari, la realizzazione delle reti stradali e teleferiche, lo sviluppo della cartografia per scopi bellici e lo spionaggio da ambo le parti per individuare difese e armamento dei forti in costruzione nell’area, mentre chiude la raccolta un saggio sull’aviazione austro-ungarica e la nascita dei primi aeroporti in Valsugana.


Ieri-Oggi. Fotografia in Alta Valsugana.


Il secondo libro si intitola invece “Ieri-Oggi. Fotografia in Alta Valsugana”, curato da Elisa Corni e Nicola Dallepiatte e pubblicato con la collaborazione del Gruppo Fotoamatori Pergine. Il volume propone un interessante confronto fra una cinquantina di fotografie dell’epoca, molte provenienti da archivi di collezionisti privati e scattate dalle autorità militari austro-ungariche, e altrettante fotografie realizzate oggi sullo stesso luogo e con la stessa angolazione; dall’accostamento delle immagini scaturisce un confronto fatto non solo di foto, ma anche una riflessione sul paesaggio che ci circonda, forse scontato per chi vi abita.
La mostra e i volumi sono frutto di ricerche al Kriegsarchiv di Vienna e in archivi locali da cui si sono tratti molti documenti, soprattutto fotografie e mappe d’epoca. I materiali sono stati rielaborati graficamente, per offrire al visitatore una chiara visione di cosa fosse la logistica, imperniata su collegamenti - stradali, di teleferica, telefonici e telegrafici - che facevano capo ai centri logistici di valle: Caldonazzo e poi San Cristoforo di Pergine. Il prof. Davide Allegri dell’Università di Trento ha quindi curato il saggio sulla cartografia e, in collaborazione con Andrea Casna. poi quello sul fronte della Valsugana così come era descritto dal nemico; Francesco Frizzera, neo-Direttore del Museo della Guerra di Rovereto ha analizzato Il sistema dei trasporti militari nel Tirolo meridionale e poi sempre con Casna l’uso delle teleferiche; Carolina Cattoni i rapporti tra militari e civili e, infine, Silvia Sartori la politica trentina prima della guerra, mentre il saggio sull’aviazione chiude il volume.
La mostra in Piazza Vecchia a Caldonazzo sarà aperta dal martedì alla domenica dalle 16 alle 18, venerdì e domenica anche dalle 20 alle 21.30.

AGGIORNATO IL 17 DICEMBRE 2018

Syndicate   Stampa   
 G.M.T. - GRUPPO MODELLISTICO TRENTINO DI STUDIO E RICERCA STORICA Riduci

Mostra Storico Modellistica

del G.M.S. - Gruppo Modellisti Scaligeri di Verona

Diverse mostre e/o rassegne modellistiche hanno contribuito a ricordare in molte città italiane il centenario della fine del primo conflitto mondiale. Verona ha potuto contribuire grazie a un felice connubio tra un importante Comando militare come il COMFOTER e il nostro piccolo ma consapevole gruppo modellistico.


La locandina della mostra.


Infatti, a completare la interessantissima mostra, organizzata dal Prof. Pino Agnetti, sulla benemerita opera del Maestro Toscanini in quella guerra (Mostra promossa dall’Assemblea legislativa della Regione Emilia – Romagna), il Generale comandante del COMFOTER, Gen. c.a. Tota, già noto per i suoi interessi a tutto tondo e per quello più spiccato per storia ed uniformi del nostro Esercito, ci ha scelti in quanto tra i pochi che abbiano realizzato diversi soggetti del periodo.
Grazie anche a validi amici come Dietmar Alber (Gruppo Ariete Bolzano), Massimo Bersan (“Quattro Gatti” Arzignano) e Jessica Bracali (GPF Firenze), siamo riusciti a presenziare con una dozzina di modelli, tre diorami e una sessantina di figurini.
La location, tra il 31/10 e il 5/11/2018, è stata il moderno e spazioso Salone multifunzionale dell’antico complesso della Gran Guardia, in posizione centralissima (due passi dall’Arena di Verona).


La “location” della mostra.


Il valido aiuto del Museo della 3a Armata di Padova si è concretizzato con l’allestimento di una tenda, alcuni manichini completamente equipaggiati e un magnifico mulo… (in resina, scala 1/1). Tutto questo materiale di alto valore storico è stato disposto in fondo alla sala, mentre nella parte centrale è stata montata la serie di pannelli con la mostra fotografica “ARTURO, un Maestro in prima linea”: sui restanti lati erano disposti tavoli per altro materiale storico ed alcune vetrine per i modelli e figurini.
L’inaugurazione ha visto la presenza di molti ufficiali d’alto grado e quella dell’Assessore al Patrimonio e Demanio, dott.ssa Edi Maria Neri. L’evento è proseguito già con l’aiuto di un ‘flash’ di una nota televisione veronese e ha avuto il proprio culmine il 4 novembre, giornata che sin dalle prime ore della mattina ha visto susseguirsi una catena di eventi e mostre statiche dell’Esercito nella sottostante Piazza Bra. Il numeroso pubblico - migliaia di persone fino all’ultimo giorno - ha capito la chiave di questo abbinamento e ha dimostrato vivo interesse.


Uno dei tanti modelli esposti.


Anche alcune classi scolastiche hanno potuto vedere e capire un po’ di più di quello che è stato un mondo molto diverso dall’attuale sotto tantissimi aspetti. Sul tavolo delle informazioni ha campeggiato - per poco, perché sono andati a ruba - la pila dei Cataloghi GMT, tra i pochissimi gruppi italiani che abbiano avuto un interesse continuativo per la Grande Guerra con i Notiziari Speciali. Notiziari sono stati riservati, come omaggio, al Gen. c.a. Tota, quale prova tangibile di cosa può “produrre” un gruppo modellistico che sia sensibile - da tempi non sospetti - al matrimonio tra ricerca storica e modellismo.


Il modello di un alpino e di un mulo in scala 1/1….


Tra i militari d’ogni grado che hanno lavorato alla mostra, dobbiamo ringraziare in modo speciale quelli più “vicini” a noi come il colonnello Tofano e il maggiore Mannella, preziosissimi nel risolvere molti problemi. La nostra storia di collaborazioni con il mondo militare veronese risale al 2005 e abbiamo sempre incontrato magnifiche persone dietro l’uniforme. Con questo spirito, siamo pronti a nuove iniziative che ci vedano assieme.

Andrea e Antonio Tallillo


PUBBLICATO IL 6 DICEMBRE 2018

Syndicate   Stampa   
 NEWS Riduci

PITATAPIU

GUERRIERO ASSINIBOIN
Kit La Meridiana, 75 mm


Recentissima – inizio settembre – l’uscita di questo bel pezzo della Meridiana in 75 mm. (Cod. FR75-01) raffigurante un guerriero Assiniboin, tribù delle foreste nordamericane (Nord Dakota) e del Canada, ma originariamente appartenente all’etnia Sioux da quali gli Assiniboin si distaccarono anticamente e dei quali furono sempre acerrimi nemici.


Due immagini del figurino di Pitatapiu realizzato da Flavio Chistè.


Il soggetto proposto è una fedele e piacevolissima riproduzione di una tavola (che pubblichiamo per confronto) di Karl Bodmer , il famoso pittore svizzero che partecipò, in qualità di illustratore, a un viaggio, nel 1832, in Nord America. Nell’occasione, Bodmer realizzò una grande quantità di disegni e di acquarelli ritraendo quasi esclusivamente gli indiani nei loro costumi e nei loro atteggiamenti. La sua opera fu fondamentale nel delineare l'immagine che gli europei si sarebbero fatta, in seguito, dei nativi americani.
Tornando al nostro personaggio, dipinto nel 1833 a Fort Union, esso raffigura Pitatapiu, probabilmente un indiano di alto lignaggio all’interno della tribù (una élite) in quanto porta, nella mano destra, un simbolo di potenza (in inglese Bowlance, difficilmente traducibile…) costituito per una parte da un arco e per una parte da una lancia (oggetto che, ovviamente, non funziona in nessuno dei due modi…), ornata con interiora d’orso, il che ne determina la foggia piuttosto strana a forma di S. Nonostante l’importanza del rango, tuttavia, il nostro Pitatapiu porta gli abiti da guerriero in versione invernale, con l’ampio mantello di pelle a rivestirlo interamente.
La scultura del soggetto, costituito da undici pezzi in resina grigia sufficientemente lavorabile, è di Antonio Zapatero, un nome e una garanzia. Le varie parti sono proposte in una bella scatolina di plastica trasparente con chiusura di sicurezza e ornata della foto del soggetto (box art a cura di Danilo Cartacci). I pezzi hanno qualche sbavatura di facile eliminazione, ma sono ottimamente incisi e ricchi di dettagli.
Per i miei canoni, la basetta è da buttare. Il che significa che il primo passo da compiere è togliere gli spessori di riferimento per la sistemazione sulla basetta originale sostituendoli con almeno un pignone di metallo.


A sinistra: un’altra immagine del figurino realizzato da Flavio Chistè,
a destra: la tavola di Karl Bodmer che lo ha ispirato.


E a proposito di basetta, quella da me scelta è una delle moltissime realizzata in radica da Dino Pivato che con il suo colore giallo ben si acconcia con le tinte usate per realizzare il figurino. Scelta la basetta il primo lavoro fatto è stato quello di creare il “terreno” su cui inserire poi il nostro soggetto. Per fare ciò creato una falsa base in plasticard sulla quale ho applicato la pasta da modellare Model Form in cui ho inserito alcuni sassi e stendendo poi dell’erba (secca) della Hobby Round, il Parched Straw Static Grass (cod. GFS002); su questa base ho poi aggiunto il “fogliame” (in realtà dei ciuffi di cespugli), sempre della Hobby Round, Autumn 3 Color Clump Foliage mix (cod. GFS015). Alla fine il tutto è stato raccordato con la basetta in radica. L’idea era quella, ovviamente, di ricreare un paesaggio autunnale che fosse coerente (e, perché no, anche cromaticamente) con i pesanti abiti vestiti dall’indiano Assiniboin.
Passando alla sequenza di montaggio di Pitatapiu, bisogna prestare un attimo di attenzione altrimenti diventa un problema dipingere correttamente il tutto. In particolare, come sequenza di montaggio consiglio la seguente: sul corpo va aggiunta la parte posteriore della casacca, poi quella antero/inferiore; quindi le braccia e infine, lo scudo. Per ultimo, la mano destra con il “simbolo di potenza”.
Una nota circa la pittura. Vista la presenza di ampie campiture omogenee, ho deciso di lavorare quasi esclusivamente ad aerografo, intervenendo poi con il pennello solo per i dettagli e per qualche ombra e le profilature… Per i colori mi sono servito di tutta la gamma (o quasi) dei marroni/ocra/sabbia e giallo per le luci, degli acrilici Vallejo. Lascio a voi la scelta delle singole cromie per meglio differenziare il colore della pelliccia con quello del vestito in pelle.
Alla fine un lavoro abbastanza semplice che ho portato a termine in tempi piuttosto rapidi per i miei standard, favorito in ciò dall’uso dell’aerografo che ha sicuramente velocizzato la fase di pittura.
Buono il rapporto prezzo/qualità visto il costo di 45,00 €uro. Come voto finale sicuramente un 9 per l’originalità del soggetto e la sua più che valida resa.

Flavio Chistè

PUBBLICATO IL 30 NOVEMBRE 2018

Syndicate   Stampa   
 NEWS GMT Riduci


UN BEL REGALO PER IL PROSSIMO NATALE?

ECCO LA NOSTRA PROPOSTA

I DUE VOLUMI DEDICATI ALLA
ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA

A SOLI 40 €URO

(ANZICHE’ 60,00 €URO)



Formato 21 x 29,7 con altre 250 pagine complessive, centinaia di immagini a colori e in b/n, decine e decine di disegni araldici appositamente realizzati, gli emblemi di 40 diversi reparti dall’inizio degli anni ’20 del secolo scorso alla fine della 2ª Guerra Mondiale.

PER INFORMAZIONI E ORDINI:


info@gmtmodellismo.it

PUBBLICATO IL 24 NOVEMBRE 2018

Syndicate   Stampa   
 I LIBRI DEL G.M.T. Riduci

I LIBRI
DEL G.M.T.

In libreria o in vendita su questo sito web, i libri dati alle stampe dal G.M.T.


Le copertine dei libri ancora disponibili.


Cliccando nei link sottostanti puoi vedere come ordinare i libri al nostro Gruppo nonché le schede dei volumi ancora disponibili.

COME ORDINARE
I LIBRI DEL G.M.T.

PROMOZIONE LIBRI
SCONTO DEL 30%

LE RECENSIONI
DELLA STAMPA

LIBRI DI
AERONAUTICA

I COLORI DEGLI AEREI
ITALIANI DELLA
GRANDE GUERRA
Ipotesi e certezze

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA
Volume secondo

ELICOTTERI E COLORI

THUNDER TRICOLORI
REPUBLIC F-84F E RF-84-F

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA

I CACCIA ITALIANI DELLA SERIE 80

ITALIAN SPECIAL COLOURS

LIBRI DI NAVI

VENEZIA ‘800: BUFERA IN ARSENALE
La Marina veneziana
nel ventennio napoleonico (1796-1815

I BUCINTORO DELLA SERENISSIMA
The ceremonial state barges
of the Venetian Republic

GALEAZZE – Un sogno veneziano

LIBRI DI
MEZZI MILITARI

CARRO FIAT 3000
Sviluppo, tecnica, impiego

BASTI IN GROPPA!
L’artiglieria someggiata dall’Armata Sarda all’Esercito Italiano

M-113 In Italia
Veicolo Trasporto Truppe e derivati

LE TRATTRICI ITALIANE
DELLA GRANDE GUERRA
Il traino meccanico delle artiglierie
dalle origini al 1918

LINCE - Light Multirole Vehicle

CARRO M – VOLUME 2°

IL CARRO L 3

LE FORZE ARMATE DELLA R S I 1943-45

LE MONOGRAFIE
DEL G.M.T.

1 - UNA NAVE ETRUSCA

2 - GLI HARRIER DELLA MARINA ITALIANA

3 - LE CANNONIERE DEL GARDA
La vera storia delle “scialuppe cannoniere” (1859-1881)
e il ritrovamento del relitto della “Sesia”

4 - UNA NAVE PUNICA

5 – LE CAMIONETTE
DEL REGIO ESERCITO

6 – GALEE VENEZIANE
PER CAPO DA MAR
L’eccellenza della flotta remiera
della Serenissima

7 – I VOLONTARI DI GARIBALDI
La loro storia raccontata dai soldatini

LIBRI ESAURITI

DURI I BANCHI!
Le navi della Serenissima – 421/1797

VASCELLI E FREGATE DELLA SERENISSIMA
Navi di linea della marina veneziana 1652 - 1797

LE GALEE MEDITERRANEE
5000 anni di storia, tecnica e documenti

IL LEUDO
Barca da lavoro del Tirreno

LE COSTRUZIONI NAVALI

LE GALEE

COLORI E SCHEMI MIMETICI DELLA REGIA AERONAUTICA

CARRO M – Volume primo

IL CARRO L 6

LE MACCHINE DI PAVESI

LE AUTOCARRETTE DEL REGIO ESERCITO

DAL TL 37 ALL’AS 43

MOTORI!!! LE TRUPPE CORAZZATE ITALIANE 1919-1994

AUTOMEZZI DA COMBATTIMENTO DELL’E.I. 1912-1990



AGGIORNATO IL 28.09.2018

Syndicate   Stampa   
 CENTENARIO Iª GUERRA MONDIALE Riduci


Sono iniziate in tutta Europa le manifestazioni in ricordo del centenario di quel terribile conflitto che fu la Prima Guerra Mondiale e che dureranno dal 2014 al 2018. Anche il G.M.T. intende dare il proprio piccolo contributo a questi progetti presentando durante tale lasso di tempo in questo sito e tra le proprie pubblicazioni diversi studi storici e articoli di modellismo dedicati all’argomento.
Queste nostre iniziative saranno evidenziate dal logo appositamente creato e che appare sopra riportato.
Puoi inoltre consultare le nostre iniziative cliccando nei link che verranno via via aggiunti qui di seguito non appena i nostri lavori saranno pubblicati.


FIGURINI ITALIANI
DELLA GRANDE GUERRA
Kit ICM Plastic Model, 1/35

FOKKER DR.1
Kit Revell, 1/72

OBICE DA 305/17
Kit Crielmodel, 1/35

LE TRATTRICI ITALIANE
DELLA GRANDE GUERRA
Il traino meccanico delle artiglierie
dalle origini al 1918

NIEUPORT Ni-11 “BEBÉ”
Revell, 1/72 modificato

MACCHI M-9
Choroszy Modelbud, 1/72

MORTAIO DA 210/8 D.S.
Kit Crielmodel, 1/35

CAUDRON G3
Autocostruito, 1/72

CANNONE DA 149/35 MOD. 1917
Kit Crielmodel, 1/35

IL CAPRONI CA 3

MACCHI – LÖHNER L-3
Kit ”vacuformed” KPL, 1/72

ANSALDO - SVA 5

ARMI AUSTRIACHE DELLA 1a G.M.

L’AEROPORTO DEL CIRE’
DI PERGINE

AUTOBLINDO AUSTIN PUTILOV
Kit Sparta Modellbau, 1/35

WWI BRITISH TANK Mk.IV MALE
Kit Tamiya, 1/35

L’INCROCIATORE AURORA

ECHI NEL SILENZIO
Paesaggi della Grande Guerra
dal Garda al Pasubio

FANTE, 47° Reggimento - 1917
Metal Modeles – 54 mm mod.

KRUPP 42 CM M GERǞT 14 L 12
”Grande Bertha”
Diorama di Maurizio Valentini, 1/35

CANNONE DA MONTAGNA 65/17
Diorama di Maurizio Valentini, 1/35


AGGIORNATO IL 30 SETTEMBRE 2018

Syndicate   Stampa   
 MOSTRE E CONCORSI Riduci
PROSSIMI APPUNTAMENTI
DA RICORDARE




2 - 3/03/2019

MODEL EXPO ITALY - VERONA
c/o Fiera di Verona

Manifestazione a cura di:
VERONA FIERE - VERONA

Informazioni nel sito:

MODEL EXPO ITALY




1-4-5/12/2018

XVIII MOSTRA VOLPIANO
c/o Sala Polivalente, Via Trieste 1 - VOLPIANO (TO)

Manifestazione a cura del:
MICHELIN SPORT CLUB TORINO

Informazioni nel sito:

ROBERTO LATTINI – LE CARAVELLE



AGGIORNATO AL 15/12/2018

Syndicate   Stampa   
 Copyright (c) 2007 Wizard  Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy