*
  
*
*
*
Login 
  sabato 27 agosto 2016 Registrazione 
 IL NOSTRO SITO Riduci
Cliccando nella sovrastante BARRA BLU si possono aprire le varie “finestre” del nostro sito. In tal modo si potrà vedere CHI SIAMO (visitando anche la FOTO GALLERY dei modelli realizzati dai nostri associati), conoscere gli studi dei nostri Soci - e non solo - messi a disposizione di tutti gli appassionati di storia e di modellismo nonché le ricerche pubblicate nei nostri LIBRI e nella nostra RIVISTA. Si potranno, inoltre, leggere gli ARTICOLI scritti dai nostri collaboratori, rivivere i più importanti EVENTI G.M.T.che abbiamo realizzato in tutti questi anni, o, infine, entrare nei più interessanti siti in materia di storia e modellismo presenti sul web tramite I LINK.
Inoltre, per migliorare sempre più le nostre immagini a disposizione di tutti gli appassionati di modellismo, abbiamo attivato una “Foto Gallery” ad alta definizione. Puoi vederla cliccando nel link sottostante:

FOTO GALLERY H.D.



Buona visione a tutti!

AGGIORNATO IL 30.03.2016

Syndicate   Stampa   
 I NOSTRI INDIRIZZI Riduci

GLI INDIRIZZI DEL G.M.T.

GRUPPO MODELLISTICO TRENTINO

SEDE SOCIALE

Via Abondi 9 – TRENTO
c/o Circolo Culturale
“La Ginestra”

La Sede è aperta su richiesta dei Soci o in occasione degli incontri periodici. Per la richiesta di apertura è sufficiente contattare con adeguato anticipo il nostro Segretario, Flavio Chistè, al numero 333/2685578.
Per chi viene da fuori Trento, cliccando nel link sottostante può stampare una comoda piantina per raggiungerci.

PIANTINA SEDE (PDF)


E-MAIL DEL GRUPPO:
info@gmtmodellismo.it


PRESIDENTE E
RAPPORTI CON I SOCI:
mirko.daccordi@tin.it


VICE-PRESIDENTE,
GESTIONE DEL SITO WEB E
RESPONSABILE DEL SETTORE NAVALE:
guido.ercole@gmtmodellismo.it


SEGRETARIO:
flavio.chiste52@gmail.com
cell. 333 2685578


FOTOGRAFIA :
fotocorona@gmail.com


MOSTRE MODELLISTICHE:
girolamolorusso@gmail.com


RAPPORTI CON IL
MUSEO CAPRONI
massimocosi@tiscalinet.it


Corrispondenza:

G.M.T. – Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica
c/o Flavio Chistè
Via S.Anna, 73 - Gardolo
38121 TRENTO TN

CI TROVI ANCHE SU



A QUESTO LINK:


GMT SU FACEBOOK


GRUPPO ADERENTE AL



AGGIORNATO IL 7.11.2015

Syndicate   Stampa   
 LA NOSTRA RIVISTA Riduci
Il ”NOTIZIARIO MODELLISTICO”

Il G.M.T. – Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica pubblica da circa trent’anni il ’Notiziario Modellistico’’ che è la rivista ufficiale del Gruppo e viene inviata gratuitamente a tutti i soci.


La copertina del numero 2-2016.

Vengono pubblicati tre numeri ogni anno e, in ogni numero, sono presenti articoli storico-modellistici che trattano le varie specialità del modellismo statico: aeronautico, navale, figurinistico, dei carri e dei mezzi militari o civili.
Partiti da un semplice ciclostilato fatto in casa, la rivista si è via via evoluta passando alla stampa e, negli ultimi numeri grazie anche ai progressi introdotti dai personal computer sempre più ‘’grafici’’ ed evoluti, anche al colore.
RICORDIAMO COMUNQUE CHE IL ”NOTIZIARIO MODELLISTICO” VIENE REALIZZATO IN TIRATURA LIMITATA ESSENDO UNA PUBBLICAZIONE GRATUITA DESTINATA AI SOCI. LA DISPONIBILITA’ RESIDUA E’ QUINDI, SEMPRE, MOLTO RIDOTTA. PERTANTO, PER OTTENERE REGOLARMENTE TUTTI I NUMERI, E’ OPPORTUNO DIVENTARE SOCI DEL G.M.T.
Cliccando nel link sottostante puoi avere un’idea dei nostri lavori e vedere anche gli argomenti trattati dal 1985 ad oggi. Ci sono anche le istruzioni per i non soci che desiderassero procurarsi i numeri finora usciti e ancora disponibili del nostro ‘’Notiziario’’ .

IL NOTIZIARIO MODELLISTICO




Il Gruppo Modellistico Trentino tutela i propri collaboratori non diffondendo i loro dati personali o i recapiti. E’ tuttavia possibile contattare gli autori od ottenere chiarimenti in merito a quanto pubblicato contattando il Direttore Responsabile della testata, all’indirizzo:

direttorenotiziario@
gmtmodellismo.it

AGGIORNATO IL 19.5.2016

Syndicate   Stampa   
 MOSTRE E CONCORSI Riduci
PROSSIMI APPUNTAMENTI
DA RICORDARE




19-25/09/2016

9^ Mostra di Modellismo “La Battaglia della Marsaglia 1693”

c/o Teatro Bassatis – Volvera (TO)
Manifestazione a cura del:
GRUPPO MODELLISTICO
MICHELIN S.C. TORINO)

Informazioni nel sito:

ROBERTO LATTINI




9-16/10/2016

3° TROFEO PICCHIATELLI

Scanzorosciate (BG)
Manifestazione a cura del:
GRUPPO MODELLISTICO
PICCHIATELLI)

Informazioni nel sito:

PICCHIATELLI




23-30/10/2016

10^ MOSTRA CONCORSO
AMS VERONA

c/o EX ARSENALE AUSTRIACO VERONA
Manifestazione a cura di:
AMS - VERONA

Informazioni nel sito:

AMS VERONA




12-13/11/2016

OPEN DAY G.M.T. - TRENTO

c/o Torre Mirana, Via Belenzani, TRENTO
Manifestazione a cura del:
GRUPPO MODELLISTICO TRENTINO

Per info:
Flavio Chistè
Cell. 3332685578




AGGIORNATO AL 5.08.2016

Syndicate   Stampa   
 TECNICHE MODELLISTICHE Riduci
Cliccando nei LINK sottostanti puoi trovare o stamparti interessanti documenti scritti da nostri Soci per approfondire le tue conoscenze tecniche e migliorare le tue capacità modellistiche.

ALCLAD ALC-204
HOLOMATIC SAPPHIRE

AEROGRAFIA E
PLASTIMODELLISMO

TRUMPETER
LINE ENGRAVER

TRUMPETER
DECAL TRAY

TRUMPETER
SANDPAPER GRIP

GMT EXPERIMENTAL
COME REALIZZARE UN AN/ALQ.144

BASI IN CARTONCINO PER DIORAMI
“NOY’S MINIATURE”


AGGIORNATO IL 13.07.2015

Syndicate   Stampa   
 G.M.T. - GRUPPO MODELLISTICO TRENTINO DI STUDIO E RICERCA STORICA Riduci

Syndicate   Stampa   
 News Riduci

FANTE, 47° Reggimento - 1917

Metal Modeles – 54 mm mod.
Uno degli elementi più tipici dell’uniforme italiana della Grande Guerra fu, per diversi Corpi, la mantellina “a ruota” che, sebbene meno diffusa dei cappotti, rimane un’icona di quel periodo. Mutuata dai semplici tabarri in uso ai contadini, ma più corta, in panno pesante, con colletto rovesciato, guarnito delle sole stellette anche se erano previsti i distintivi di grado e provvisto al di sotto di una linguetta con bottoni.


Una foto d’epoca di fante italiano con la mantellina.


Ne venne adottata nel 1912 anche di un tipo più corto, confezionato in taglia unica ed in tela grigia impermeabile , sempre con colletto rovesciato ma a volte privo di stellette, comunque con bottone automatico di chiusura. Nonostante la sua palese inadeguatezza, fu un capo dell’uniforme che ebbe una vita lunga, che comprese anche il conflitto mondiale successivo.

Il figurino


Alla presenza comune nei ranghi del nostro esercito di questo indumento protettivo non corrisponde, da tempo, un adeguato numero di soggetti in scala aventi questa peculiarità. Non dovrebbe essere impossibile riprodurre quello che è semplice, ma è così: i figurini che la indossano sono ancora delle rarità.
Volendo averne almeno uno in collezione, non resta che affidarci al buon vecchio figurino di bersagliere italiano della nota ditta francese che è ancora disponibile e addirittura migliorato nella finezza dello stampo e nel materiale impiegato, meno rozzo.
E’ vero, però, che non siamo di fronte a uno dei capolavori più recenti e che la posa non è troppo dinamica, penalizzata da una mantellina priva di sottosquadro. Ma è anche vero che con una piccola modifica si è potuto ricavarne un figurino ancora abbastanza presentabile.


Il kit del “Bersagliere” della Metal Modeles.


Il primo e più impegnativo lavoro è di asportare la testa del bersagliere, lavorando con un fresetta. Poi con dello stucco bicomponente si è pareggiata la spalla destra dove avendo levate le piume del capello si è creata una piccola rientranza. Con una fresa montata su trapanino, scavando si crea l’alloggiamento della nuova testa, magari quella offerta come alternativa nel bel figurino del fante italiano della Allarmi. Per la mantellina, è sufficiente una ripassata con la fresetta per migliorare l’effetto “lana” che verrà da sé con la verniciatura. Si possono poi aggiungere le stellette sul bavero usando dello stucco. Si procede con l’inserire i perni delle gambe per il montaggio sulla basetta, e del braccio sinistro per avere un preciso riferimento. Un altro lavoro necessario prima della colorazione è l’eliminazione della cinghia del moschetto, visto che non l’abbiamo riprodotto a tracolla; lavoro facile usando una limetta adoperata con un po’ di attenzione. Il colore dell’uniforme è quanto mai poco esaltante e dunque sarà una piccola sfida rendere la colorazione meno “uniforme” aggiungendo tonalità diverse al grigio-verde di base. I colori base usati sono stati tre, tutti a smalto; ovvero: un verde medio, un grigio medio e un nero opaco.
Aggiungendo una punta di marrone e variando appena uno dei tre colori otterrete sfumature già diverse, quanto mai utili a spezzare la monotonia. Aggiungendo invece del verde scuro alla tinta per le mollettiere e la mantellina otterremo uno stacco maggiore. Provvederemo alle ombre e luci con colori a olio mescolando un Verde oliva con Grigio chiaro. Ne risulterà un tono simile a quello della prima mano a smalto; aggiungendo poi Bianco o Terra d’Ombra si ricaveranno le tonalità più adatte. Le giberne portamunizioni sono state dipinte anch’esse in grigio verde, ma con una tonalità più chiara e meno opaca. Il contenitore metallico per la maschera antigas era portato a tracolla per mezzo di un cordoncino di colore beige naturale o canapa chiara. Il tascapane non è visibile, o meglio, ne è visibile solo la sua tracolla, verso la spalla destra, dipinta in khaki chiaro. Per gli scarponcini, all’epoca in cuoio naturale che col tempo e l’ingrassatura diventavano più scuri, si può usare un marrone chiaro a smalto, lavato a olio con terra d’Ombra.
Viso e mani sono in una miscela di Bianco di titanio, Giallo di Napoli, Terra di Siena e Terra d’Ombra, sulle gote e sulle labbra basta aggiungere proprio una puntina di rosso. Il berretto è sempre nel grigioverde di base, ma con alcune differenze necessarie nella visiera e nel soggolo, che erano in cuoio verniciato e perciò si devono differenziare dalla cupola e dal resto che sono in tessuto. Sul davanti, compariva il fregio in lana nera - corona e numero del reggimento - su fondo di tessuto grigio verde. Un numero “indicato” potrebbe essere quello del 47° , che già nel giugno1908 aveva provato la nuova uniforme.


Due immagini del modello.


Il terreno della semplice basetta è stato composto con l’ormai conosciuto metodo di stendere uno strato di Das o materiale similare, nel quale abbiamo incapsulato un piccolo sasso e alcune pietruzze, nonché piantato alcuni licheni. Il tutto è stato verniciato con una miscela di colori acrilici giallo sabbia e marrone più o meno scuro. Il moschetto è stato preso dall’apposita confezione di parti staccate della stessa ditta del figurino, perché l’originale è andato ovviamente rovinato scavando la mano per toglierlo. Nella mano destra del figurino, ora compare un semplice bastone, ricavato intagliando uno legnetto da cocktail, dipinto con il semplice fondo di tavolozza di Terra d’ombra.

Bibliografia :
Il soldato italiano dal 1909 al 1945 – Rivista Militare – 1988
Soldati della prima guerra mondiale – Europa Militaria n. 3 – Albertelli 1990

Andrea e Antonio Tallillo



PUBBLICATO IL 24 AGOSTO 2016

Syndicate   Stampa   
 NEWS Riduci

E’ USCITO IL NUOVO VOLUME INTITOLATO

VENEZIA ‘800
BUFERA IN ARSENALE

La Marina veneziana
nel ventennio napoleonico (1796-1815)



di Guido ERCOLE

ISBN: 978-88-98631-08-7



Volume di 128 pagine formato A/4 (21x29,7) in carta patinata opaca da 115 grammi, con copertina in cartoncino plastificato a quattro colori con risvolti. 72 immagini a colori, 42 in b/n, 3 tabelle riassuntive dei vari periodi esaminati, 4 relazioni d’epoca allegate.
Un libro che risponde ad una semplice domanda. Esistono documenti che permettono di ricostruire le vicende dell’Arsenale di Venezia e della Marina veneziana nel ventennio napoleonico (1796-1815)? Finora ci hanno sempre detto che a seguito delle distruzioni compiute dai Francesi durante il “sacco” del 1797 e le successive guerre napoleoniche, che si sono protratte per ben due decenni, moltissima documentazione e tante testimonianze sono andate disperse e non sono più reperibili. Pertanto, la maggior parte dei libri finora stampati sorvola su questo periodo o lo racconta in poche parole.


Due pagine del libro


In realtà molti documenti esistono ancora. Solo che sono divisi tra gli archivi veneziani, viennesi e parigini, con una piccola appendice anche a Trieste, dove la Marina Austro-Ungarica ne portò una parte in gran premura nel 1866 quando dovette lasciare Venezia e il suo Arsenale. Inoltre, il fatto che molti testi siano scritti in francese o in tedesco non aiuta di certo a semplificare le ricerche.
Questo studio cerca ora di mettere insieme tutti i dati che è stato possibile ritrovare, dando loro una classificazione temporale, in modo da poter raccontare il più compiutamente possibile la storia delle diverse strutture, degli uomini che vi operarono e delle navi che vi furono costruite.
Un piccolo contributo per approfondire quelli che furono per Venezia gli anni più bui e travagliati della sua millenaria esistenza.


Altre due pagine del libro


L’autore, Guido Ercole, ha già pubblicato, sempre per il G.M.T., “Duri i banchi! – Le navi della Serenissima 421 – 1797” (2006, ristampato e aggiornato nel 2016), “Le galee mediterranee – 5000 anni di storia, tecnica e documenti” (2008), “Galeazze – Un sogno veneziano” (2010), “Vascelli e fregate della Serenissima – Navi di linea della marina veneziana 1652-1797” (2011), “I Bucintoro della Serenissima” (2015) e, assieme a Cesare Montagnoli, “Le cannoniere del Garda – La vera storia delle scialuppe cannoniere e il ritrovamento del relitto della Sesia” (2013).
Prezzo al pubblico: € 25,00.

I Soci in regola con le quote associative del 2016 possono richiedere una copia del libro GRATUITA, compilando l’apposita ‘’scheda d’ordine’’ scaricabile da questo sito. Possono richiedere inoltre ulteriori esemplari con il consueto sconto del 30% .

Come sempre spese di spedizione gratuite per tutti, in tutta Italia.

AGGIORNATO IL 15 AGOSTO 2016

Syndicate   Stampa   
 NEWS Riduci

E’ uscito il
‘’Notiziario Modellistico’’
SPECIALE 1ª GUERRA MONDIALE

Allegato al n° 2 – 2016


TUTTO A COLORI!

che tratta i seguenti argomenti:

IL POKER TURCO
La crociera del Goeben e del Breslau.
Ovvero: come fu coinvolto l’Impero Ottomano
nella Prima Guerra Mondiale.

di Guido Ercole

KRUPP 21 CM MÖRSER 10
di Maurizio Valentini


La prima pagina dei due articoli di G. Ercole e di M. Valentini.


MORTAIO SKODA
30,5 CM MOD. 1911

di Maurizio Valentini

ARDITI “VIVERE PERICOLOSAMENTE”
di Vincenzo Alberici



La prima pagina dei due articoli di M. Valentini e di V. Alberici.


LA SALA MEMORIALE “1^ Guerra Mondiale”
all’Accademia Militare di Modena

di Pietro Compagni

SCHNEIDER C,A. 1 MOD. 16
di Andrea & Antonio Tallillo


La prima pagina dei due articoli di P. Compagni e di A. & A. Tallillo.


FORTUNELLO AVIATORE
di Paolo Varriale

CARABINIERE, Podgora luglio 1915
di Andrea & Antonio Tallillo


La prima pagina dei due articoli di P. Varriale e di A. & A. Tallillo.


Il Notiziario è stato spedito a tutti i Soci a mezzo posta con le consuete modalità.
Per i non Soci che siano interessati all'acquisto, le istruzioni su come fare sono riportate nell’apposita sezione ‘’LA RIVISTA’’ della sovrastante barra blu del menu.

PUBBLICATO IL 7 AGOSTO 2016

Syndicate   Stampa   
 NOTIZIE G.M.T. Riduci

I LIBRI
DEL G.M.T.

In libreria o in vendita su questo sito web, i libri dati alle stampe dal G.M.T.


Le copertine dei libri ancora disponibili.


Cliccando nei link sottostanti puoi vedere come ordinare i libri al nostro Gruppo nonché le schede dei volumi ancora disponibili.

COME ORDINARE
I LIBRI DEL G.M.T.

PROMOZIONE LIBRI
SCONTO DEL 30%

LE RECENSIONI
DELLA STAMPA

LIBRI DI
AERONAUTICA

ELICOTTERI E COLORI

THUNDER TRICOLORI
REPUBLIC F-84F E RF-84-F

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA

I CACCIA ITALIANI DELLA SERIE 80

ITALIAN SPECIAL COLOURS

LIBRI DI NAVI

VENEZIA ‘800: BUFERA IN ARSENALE
La Marina veneziana
nel ventennio napoleonico (1796-1815

DURI I BANCHI!
Le navi della Serenissima – 421/1797

I BUCINTORO DELLA SERENISSIMA
The ceremonial state barges
of the Venetian Republic

VASCELLI E FREGATE DELLA SERENISSIMA
Navi di linea della marina veneziana 1652 - 1797

GALEAZZE – Un sogno veneziano

LIBRI DI
MEZZI MILITARI

M-113 In Italia
Veicolo Trasporto Truppe e derivati

LE TRATTRICI ITALIANE
DELLA GRANDE GUERRA
Il traino meccanico delle artiglierie
dalle origini al 1918

LE MACCHINE DI PAVESI

LINCE - Light Multirole Vehicle

CARRO M – VOLUME 2°

CARRO M

IL CARRO L 6

IL CARRO L 3

LE FORZE ARMATE DELLA R S I 1943-45

LE MONOGRAFIE
DEL G.M.T.

1 - UNA NAVE ETRUSCA

2 - GLI HARRIER DELLA MARINA ITALIANA

3 - LE CANNONIERE DEL GARDA
La vera storia delle “scialuppe cannoniere” (1859-1881)
e il ritrovamento del relitto della “Sesia”

4 - UNA NAVE PUNICA

5 – LE CAMIONETTE
DEL REGIO ESERCITO



AGGIORNATO IL 20.07.2016

Syndicate   Stampa   
 NEWS GMT Riduci

RICORDIAMO CHE OGNI PRIMO VENERDI’ DEL MESE
LA SEDE DEL G.M.T. DI VIA ABONDI 9 A TRENTO E’ APERTA DALLE ORE 20.30 PER INCONTRI CON TUTTI GLI APPASSIONATI DI STORIA E MODELLISMO, SOCI E NON.




PUBBLICATO IL 20.03. 2015

Syndicate   Stampa   
 CENTENARIO Iª GUERRA MONDIALE Riduci


Sono iniziate in tutta Europa le manifestazioni in ricordo del centenario di quel terribile conflitto che fu la Prima Guerra Mondiale e che dureranno dal 2014 al 2018. Anche il G.M.T. intende dare il proprio piccolo contributo a questi progetti presentando durante tale lasso di tempo in questo sito e tra le proprie pubblicazioni diversi studi storici e articoli di modellismo dedicati all’argomento.
Queste nostre iniziative saranno evidenziate dal logo appositamente creato e che appare sopra riportato.
Puoi inoltre consultare le nostre iniziative cliccando nei link che verranno via via aggiunti qui di seguito non appena i nostri lavori saranno pubblicati.


FIGURINI ITALIANI
DELLA GRANDE GUERRA
Kit ICM Plastic Model, 1/35

OBICE DA 305/17
Kit Crielmodel, 1/35

NOTIZIARIO “SPECIALE”
1ª GUERRA MONDIALE

LE TRATTRICI ITALIANE
DELLA GRANDE GUERRA
Il traino meccanico delle artiglierie
dalle origini al 1918

NIEUPORT Ni-11 “BEBÉ”
Revell, 1/72 modificato

MACCHI M-9
Choroszy Modelbud, 1/72

CAUDRON G3
Autocostruito, 1/72

IL CAPRONI CA 3

MACCHI – LÖHNER L-3
Kit ”vacuformed” KPL, 1/72

ANSALDO - SVA 5

L’AEROPORTO DEL CIRE’
DI PERGINE

AUTOBLINDO AUSTIN PUTILOV
Kit Sparta Modellbau, 1/35

WWI BRITISH TANK Mk.IV MALE
Kit Tamiya, 1/35

L’INCROCIATORE AURORA

FANTE, 47° Reggimento - 1917
Metal Modeles – 54 mm mod.


AGGIORNATO IL 24.08.2016

Syndicate   Stampa   
 NEWS MODELLISTICHE Riduci

Syndicate   Stampa   
 Visite dal 04 01 2009 Riduci

Syndicate   Stampa   
 Copyright (c) 2007 Wizard  Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy