*
  
*
*
*
Login 
  domenica 23 luglio 2017 Registrazione 
 IL NOSTRO SITO Riduci
Cliccando nella sovrastante BARRA BLU si possono aprire le varie “finestre” del nostro sito. In tal modo si potrà vedere CHI SIAMO (visitando anche la FOTO GALLERY dei modelli realizzati dai nostri associati), conoscere gli studi dei nostri Soci - e non solo - messi a disposizione di tutti gli appassionati di storia e di modellismo nonché le ricerche pubblicate nei nostri LIBRI e nella nostra RIVISTA. Si potranno, inoltre, leggere gli ARTICOLI scritti dai nostri collaboratori, rivivere i più importanti EVENTI G.M.T.che abbiamo realizzato in tutti questi anni, o, infine, entrare nei più interessanti siti in materia di storia e modellismo presenti sul web tramite I LINK.
Inoltre, per migliorare sempre più le nostre immagini a disposizione di tutti gli appassionati di modellismo, abbiamo attivato una “Foto Gallery ad alta definizione”. Puoi vederla cliccando nel link sottostante:

FOTO GALLERY H.D.



Alcuni dei modelli presenti
nelle nostre “Gallerie”.


Buona visione a tutti!

AGGIORNATO IL 21.03.2017

Syndicate   Stampa   
 I NOSTRI INDIRIZZI Riduci

GLI INDIRIZZI DEL G.M.T.

GRUPPO MODELLISTICO TRENTINO

SEDE SOCIALE

Via Abondi 9 – TRENTO
c/o Circolo Culturale
“La Ginestra”

La Sede è aperta su richiesta dei Soci o in occasione degli incontri periodici. Per la richiesta di apertura è sufficiente contattare con adeguato anticipo il nostro Segretario, Flavio Chistè, al numero 333/2685578.
Per chi viene da fuori Trento, cliccando nel link sottostante può stampare una comoda piantina per raggiungerci.

PIANTINA SEDE (PDF)


E-MAIL DEL GRUPPO:
info@gmtmodellismo.it


PRESIDENTE E
RAPPORTI CON I SOCI:
mirko.daccordi@tin.it


VICE-PRESIDENTE,
GESTIONE DEL SITO WEB E
RESPONSABILE DEL SETTORE NAVALE:
guido.ercole@gmtmodellismo.it


SEGRETARIO:
flavio.chiste52@gmail.com
cell. 333 2685578


FOTOGRAFIA :
fotocorona@gmail.com


MOSTRE MODELLISTICHE:
girolamolorusso@gmail.com


RAPPORTI CON IL
MUSEO CAPRONI
massimocosi@tiscalinet.it


Corrispondenza:

G.M.T. – Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica
c/o Flavio Chistè
Via S.Anna, 73 - Gardolo
38121 TRENTO TN

CI TROVI ANCHE SU



A QUESTO LINK:


GMT SU FACEBOOK


GRUPPO ADERENTE AL



AGGIORNATO IL 7.11.2015

Syndicate   Stampa   
 LA NOSTRA RIVISTA Riduci
Il ”NOTIZIARIO MODELLISTICO”

Il G.M.T. – Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica pubblica da circa trent’anni il ’Notiziario Modellistico’’ che è la rivista ufficiale del Gruppo e viene inviata gratuitamente a tutti i soci.


Le copertine degli ultimi numeri.

Vengono pubblicati tre numeri ogni anno e, in ogni numero, sono presenti articoli storico-modellistici che trattano le varie specialità del modellismo statico: aeronautico, navale, figurinistico, dei carri e dei mezzi militari o civili.
Partiti da un semplice ciclostilato fatto in casa, la rivista si è via via evoluta passando alla stampa e, negli ultimi numeri grazie anche ai progressi introdotti dai personal computer sempre più ‘’grafici’’ ed evoluti, anche al colore.
RICORDIAMO COMUNQUE CHE IL ”NOTIZIARIO MODELLISTICO” VIENE REALIZZATO IN TIRATURA LIMITATA ESSENDO UNA PUBBLICAZIONE GRATUITA DESTINATA AI SOCI. LA DISPONIBILITA’ RESIDUA E’ QUINDI, SEMPRE, MOLTO RIDOTTA. PERTANTO, PER OTTENERE REGOLARMENTE TUTTI I NUMERI, E’ OPPORTUNO DIVENTARE SOCI DEL G.M.T.
Cliccando nel link sottostante puoi avere un’idea dei nostri lavori e vedere anche gli argomenti trattati dal 1985 ad oggi. Ci sono anche le istruzioni per i non soci che desiderassero procurarsi i numeri finora usciti e ancora disponibili del nostro ‘’Notiziario’’ .

IL NOTIZIARIO MODELLISTICO




Il Gruppo Modellistico Trentino tutela i propri collaboratori non diffondendo i loro dati personali o i recapiti. E’ tuttavia possibile contattare gli autori od ottenere chiarimenti in merito a quanto pubblicato contattando il Direttore Responsabile della testata, all’indirizzo:

direttorenotiziario@
gmtmodellismo.it

AGGIORNATO IL 24.06.2017

Syndicate   Stampa   
 NEWS MODELLISTICHE Riduci

Syndicate   Stampa   
 G.M.T. - GRUPPO MODELLISTICO TRENTINO DI STUDIO E RICERCA STORICA Riduci

Syndicate   Stampa   
 NEWS Riduci

MAMELUCCO EGIZIANO
DEL XVIII° SECOLO

Masterclass, 75 mm


Quarto (e ultimo…) dei soggetti da me realizzati per rendere omaggio alla corrente dei cosiddetti pittori “Orientalisti”, coloro, cioè, che facevano parte di quella corrente pittorica, iniziata in Francia alla fine del settecento (dopo la spedizione di Napoleone in Egitto) e sviluppatasi poi nell'ottocento soprattutto in Francia e in Inghilterra, che tendeva a rappresentare ambientazioni e atmosfere tipiche del mondo orientale. Questo anche se, talora, gli artisti, l’Oriente da vicino non l’hanno mai visto…


Il quadro che ha ispirato il figurino.


Di tale corrente hanno fatto parte pittori anche importanti quali Eugène Delacroix, Jean Auguste Dominique Ingres, Jean-Léon Gérôme e molti altri…
Il soggetto di cui parliamo è riferito al quadro che riproduciamo nel presente articolo e ne è di certo una fedele imitazione fin nei minimi dettagli.
Ciò detto, parliamo di questo bel Mamelucco egiziano che Masterclass (sempre loro…) ha messo sul mercato già da qualche tempo, più o meno verso la fine del 2010, ma che mantiene assolutamente intatta tutta la sua attrattiva ancor oggi. La scultura è di P. Oliviero mentre la box art della Ditta è stata realizzata dall’impareggiabile Elio Stella.
La confezione è quella consueta, ottimamente organizzata, con pezzi divisi in vari sacchettini e adeguatamente protetti.
La base, che costituisce una simpatica e ben riuscita scenografia, è costituita da due pezzi di resina vetrosa (che pecca, tuttavia, della presenza di qualche bolla di troppo da stuccare…) riportante un ottimo dettaglio e con buoni incastri che permettono di lavorare senza patemi d’animo e soprattutto senza dover ricorrere ad aggiustamenti particolari. La facile pittura ne aumenterà e valorizzerà ancor più la giusta architettura…


Due immagini del figurino realizzato da Flavio Chistè.


Un po’ diverso il discorso per il figurino, composto da cinque pezzi base, in metallo bianco che presentano, però, diversi pignoni di colata non correttamente rimossi e qualche bava di giunzione un po’ troppo evidente. E’ dunque necessario intervenire con un discreto lavoro di sistemazione. Un po’ difficoltoso anche l’assemblaggio. Suggeriamo in particolare, oltre alla sempre dovuta attenzione, una corretta sequenza di sistemazione altrimenti ci si ritrova a non poter portare a termine il lavoro. Dunque, partire con gamba sinistra sulla destra; poi, busto sulle gambe; a seguire la fascia con le armi sul busto e solo alla fine applicare il braccio sinistro. In ogni caso, suggerirei di montare questi ultimi due pezzi dopo la loro pittura.
A proposito di pittura, poi, segnalo che nonostante il pezzo sembri di facile realizzazione, in realtà qualche “scoglio” da superare c’è: in primis la non semplice maneggiabilità del pezzo vista la postura seduta…
Completa il kit una interessante serie di accessori, circa una decina, anch’essi in metallo bianco. C’è di tutto: una pistola, la scarpa non infilata nel piede destro, una brocca, vasetti, un pugnale, e altro ancora.
Per quanto riguarda la pittura del pezzo, io mi sono attenuto più o meno fedelmente a quella suggerita da Stella che sicuramente valorizza maggiormente il pezzo rispetto a quella proposta dal quadro che presenta toni più smorzati e meno appariscenti (ancorché, forse più conformi alla realtà riprodotta…). Comunque, c’è da sbizzarrirsi a piacere, visto che non siamo di fronte a uniformi regolamentate da riprodurre fedelmente.


Il kit della Masterclass.


Ultima nota, la consueta modifica al pezzo. Stavolta, giusto per variare un po’ la proposta base, ho voluto solo aggiungere un muretto di mattoni realizzato con il classico materiale per diorami, facilmente lavorabile, testurizzato e scolpito con semplici attrezzi e dipinto poi con i classici colori che si adattano all’ambiente egiziano (caldo e asciutto). Al riguardo, usando le dovute miscele di pigmenti della Abbiati Wargames ho realizzato anche una base di sabbia fine che ho steso sulla basetta.
Ultima nota sul prezzo: il catalogo Masterclass riporta oggi 45,00 € (Iva compresa); soldi ben spesi.
¬Ciò detto, alla fine, il risultato è stato più che soddisfacente e, soprattutto, mi ha consentito di passare qualche bel momento in relax vista l’accattivante pittura da realizzare. Consigliato, con voto finale 8 solo per qualche difficoltà nel montaggio e pittura del Mamelucco…

Flavio Chistè

PUBBLICATO IL 21 LUGLIO 2017

Syndicate   Stampa   
 News Riduci

FORTRESS

German Armor
in the defence of Sicily
ADH Publishing


La ditta inglese ADH Publishing ci propone la sua terza uscita della serie Firefly, concentrandosi, come le altre due volte, in un particolare periodo spazio-temporale; si parla cioè di un dato reparto in un dato ciclo operativo.


La copertina del libro.


Come ormai sappiamo noi modellisti - e anche appassionati bibliofili - il secondo conflitto mondiale è una tragedia documentatissima ed è dunque facile trovare di tutto tra una serie di offerte sempre più specifiche.
Così, attraverso questo bel volumetto, emergono anche i dettagli della quasi impeccabile difesa tedesca dell’estate 1943. Si tratta di sole 34 pagine, con un buon testo in inglese e 41 fotografie in bianco e nero, non molte inedite o poco viste, ma tant’è. L’importante è averle tutte raccolte in un’opera di agile consultazione.
Nelle foto in questione la parte del leone la fanno i cannoni d’assalto Sturmgeschutz III che paiono a loro agio su quel difficile terreno. Seguono, numericamente, sia i cannoni antiaerei e controcarro da 88 mm, assieme ai vari tipi di Pak (cannoni controcarro) di vario calibro, nemici altrettanto pericolosi per i corazzati alleati.
Quello, invece, che non poté essere un nemico valido, il Tiger, appare in sole 4 fotografie; poche ma sufficienti per dare l’idea delle difficoltà di un siffatto bestione sul terreno siculo.
Non mancano i profili a colori, opera del bravo Dennis Oliver che ci sta abituando al suo stile pulito ed essenziale, molto gradevole. Ne abbiamo contati 35 e qui la parte più importante la fanno i Tiger (ben sette sui pochi usati nell’isola); seguono i Panzer III e Panzer IV, di varie versioni e perciò con vari cannoni e calibri. Non potevano mancare, inoltre, i cannoni da 88 mm.
La nostra attenzione è stata però catturata da un semicingolato Sd.Kfz 251 equipaggiato con un controcarro da 37 mm, cioè una versione rara per comandanti di plotone, ai limiti della sua carriera operativa.
Per concludere, un prodotto veramente interessante, ben stampato e consigliabile per il buon rapporto qualità – prezzo (ca 15,00 Lst. se acquistato direttamente tramite il sito www.adhpublishing.com , oppure 22,00 € tramite Milistoria ).

Andrea e Antonio Tallillo

PUBBLICATO IL 14 LUGLIO 2017

Syndicate   Stampa   
 NEWS Riduci

CAPRONI CA 133

Kit Aviation USK, 1/72
“Vacuformed”


Il Caproni Ca.133 era un trimotore multiruolo prodotto dall'azienda italiana “Aeronautica Caproni” negli anni trenta del secolo scorso, che venne impiegato sia in servizio civile nella compagnia aerea “Ala Littoria”, sia in servizio militare principalmente come aereo da trasporto, bombardamento e collegamento.


Il modello di “CA 133°” in 1/72 realizzato da Guido Ercole.


Soprannominato affettuosamente "Caprona" dai suoi equipaggi, fu estesamente utilizzato come aereo coloniale italiano di riferimento. Costruito con struttura in tubi di alluminio e copertura in legno e tela, risultava già antiquato al momento della sua entrata in servizio nel 1934 ma venne estesamente impiegato sia durante la Guerra d'Etiopia che nella Seconda Guerra Mondiale.
Benché le sue caratteristiche e la sua bassa velocità massima lo rendessero vulnerabile per le esigenze di una guerra moderna, venne utilizzato con buoni profitti nel teatro dell'Africa Orientale Italiana sia come bombardiere che come trasporto, sia al seguito dei reparti di caccia in Unione Sovietica e sui Balcani come trasporto. Il suo pregio principale era che poteva operare da piste semipreparate a aveva una buona capacità STOL.
Era dotato di tre motori radiali Piaggio P.VII C.15 da 475 CV ciascuno. La velocità massima era di 260 km/h e aveva un’autonomia massima di 2000 km. Poteva portare un carico massimo di 2500 kg e la versione militare era armata con 4 mitragliatrici Lewis da 7,7 mm.


Altre due viste del modello di “CA 133°” in realizzato da Guido Ercole.


Il modello è stato realizzato partendo da una scatola di montaggio in “vacuformed” della Aviation USK, con notevoli apporti di pezzi provenienti da altre scatole di montaggio e ricavati dalla consueta “riserva del modellista”.
Il montaggio presenta tutte le difficoltà proprie di questo tipo di modelli, le principali delle quali sono il corretto assemblaggio delle semifusoliere e delle ali, per cui serve una notevole dose di pazienza e un’adeguata quantità di rinforzi e di stucco.
Ma era un pezzo che mancava alla mia collezione e, pertanto, ho provveduto a sanare queste carenze costruendo il modello nonostante tutte le mancanze della scatola di montaggio e le difficoltà di assemblaggio riscontrate.
La colorazione applicata è quella classica “antimimetica” a bande sottili utilizzata nella Campagna d’Etiopia, con gli stemmi utilizzati dalla 15ª Squadriglia del 144° Stormo nel 1936.


Una foto d’epoca di un CA 133 in volo.


Il risultato ottenuto è comunque discreto e il CA 133 non sfigura certamente tra gli altri modelli di aeroplani italiani della mia collezione, tutti rigorosamente in scala 1/72, che sono attualmente esposti nella bacheca che illustra la storia dell’Aviazione in Italia presso il Museo dell’Aeronautica ‘’Gianni Caproni’’ di Trento.

Guido Ercole

PUBBLICATO IL 7 LUGLIO 2017

Syndicate   Stampa   
 NOTIZIE G.M.T. Riduci

I LIBRI
DEL G.M.T.

In libreria o in vendita su questo sito web, i libri dati alle stampe dal G.M.T.


Le copertine dei libri ancora disponibili.


Cliccando nei link sottostanti puoi vedere come ordinare i libri al nostro Gruppo nonché le schede dei volumi ancora disponibili.

COME ORDINARE
I LIBRI DEL G.M.T.

PROMOZIONE LIBRI
SCONTO DEL 30%

LE RECENSIONI
DELLA STAMPA

LIBRI DI
AERONAUTICA

I COLORI DEGLI AEREI
ITALIANI DELLA
GRANDE GUERRA
Ipotesi e certezze

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA
Volume secondo

ELICOTTERI E COLORI

THUNDER TRICOLORI
REPUBLIC F-84F E RF-84-F

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA

I CACCIA ITALIANI DELLA SERIE 80

ITALIAN SPECIAL COLOURS

LIBRI DI NAVI

VENEZIA ‘800: BUFERA IN ARSENALE
La Marina veneziana
nel ventennio napoleonico (1796-1815

DURI I BANCHI!
Le navi della Serenissima – 421/1797

I BUCINTORO DELLA SERENISSIMA
The ceremonial state barges
of the Venetian Republic

VASCELLI E FREGATE DELLA SERENISSIMA
Navi di linea della marina veneziana 1652 - 1797

GALEAZZE – Un sogno veneziano

LIBRI DI
MEZZI MILITARI

M-113 In Italia
Veicolo Trasporto Truppe e derivati

LE TRATTRICI ITALIANE
DELLA GRANDE GUERRA
Il traino meccanico delle artiglierie
dalle origini al 1918

LINCE - Light Multirole Vehicle

CARRO M – VOLUME 2°

IL CARRO L 6

IL CARRO L 3

LE FORZE ARMATE DELLA R S I 1943-45

LE MONOGRAFIE
DEL G.M.T.

1 - UNA NAVE ETRUSCA

2 - GLI HARRIER DELLA MARINA ITALIANA

3 - LE CANNONIERE DEL GARDA
La vera storia delle “scialuppe cannoniere” (1859-1881)
e il ritrovamento del relitto della “Sesia”

4 - UNA NAVE PUNICA

5 – LE CAMIONETTE
DEL REGIO ESERCITO



AGGIORNATO IL 10.06.2017

Syndicate   Stampa   
 CENTENARIO Iª GUERRA MONDIALE Riduci


Sono iniziate in tutta Europa le manifestazioni in ricordo del centenario di quel terribile conflitto che fu la Prima Guerra Mondiale e che dureranno dal 2014 al 2018. Anche il G.M.T. intende dare il proprio piccolo contributo a questi progetti presentando durante tale lasso di tempo in questo sito e tra le proprie pubblicazioni diversi studi storici e articoli di modellismo dedicati all’argomento.
Queste nostre iniziative saranno evidenziate dal logo appositamente creato e che appare sopra riportato.
Puoi inoltre consultare le nostre iniziative cliccando nei link che verranno via via aggiunti qui di seguito non appena i nostri lavori saranno pubblicati.


FIGURINI ITALIANI
DELLA GRANDE GUERRA
Kit ICM Plastic Model, 1/35

FOKKER DR.1
Kit Revell, 1/72

OBICE DA 305/17
Kit Crielmodel, 1/35

LE TRATTRICI ITALIANE
DELLA GRANDE GUERRA
Il traino meccanico delle artiglierie
dalle origini al 1918

NIEUPORT Ni-11 “BEBÉ”
Revell, 1/72 modificato

MACCHI M-9
Choroszy Modelbud, 1/72

MORTAIO DA 210/8 D.S.
Kit Crielmodel, 1/35

CAUDRON G3
Autocostruito, 1/72

CANNONE DA 149/35 MOD. 1917
Kit Crielmodel, 1/35

IL CAPRONI CA 3

MACCHI – LÖHNER L-3
Kit ”vacuformed” KPL, 1/72

ANSALDO - SVA 5

ARMI AUSTRIACHE DELLA 1a G.M.

L’AEROPORTO DEL CIRE’
DI PERGINE

AUTOBLINDO AUSTIN PUTILOV
Kit Sparta Modellbau, 1/35

WWI BRITISH TANK Mk.IV MALE
Kit Tamiya, 1/35

L’INCROCIATORE AURORA

FANTE, 47° Reggimento - 1917
Metal Modeles – 54 mm mod.


AGGIORNATO IL 16.06.2017

Syndicate   Stampa   
 MOSTRE E CONCORSI Riduci
PROSSIMI APPUNTAMENTI
DA RICORDARE




18-24/09/2017

X MOSTRA CONCORSO “BATTAGLIA DELLA MARSAGLIA 1693”

c/o Teatro Bossalis, Via San Michele 24 – VOLVERA (TO)
Manifestazione a cura del:
GRUPPO MODELLISTI MICHELIN (TO)

Per informazioni:
Roberto Lattini
cell. 328.90.78.166
e-mail: info@roberto.lattini.name




23-24/09/2017

MOSTRA CONCORSO “ARTE STORIA MODELLISMO” ”

c/o CVA MADONNA ALTA “LA PIRAMIDE”, Via A. Diaz - PERUGIA
Manifestazione a cura della:
UNIONE MODELLISTI PERUGINI

Informazioni nel sito:

UMP - PERUGIA




AGGIORNATO AL 10.07.2017

Syndicate   Stampa   
 NEWS GMT Riduci

Syndicate   Stampa   
 TECNICHE MODELLISTICHE Riduci
Cliccando nei LINK sottostanti puoi trovare o stamparti interessanti documenti scritti da nostri Soci per approfondire le tue conoscenze tecniche e migliorare le tue capacità modellistiche.

ALCLAD ALC-204
HOLOMATIC SAPPHIRE

AEROGRAFIA E
PLASTIMODELLISMO

TRUMPETER
LINE ENGRAVER

TRUMPETER
DECAL TRAY

TRUMPETER
SANDPAPER GRIP

GMT EXPERIMENTAL
COME REALIZZARE UN AN/ALQ.144

BASI IN CARTONCINO PER DIORAMI
“NOY’S MINIATURE”


AGGIORNATO IL 13.07.2015

Syndicate   Stampa   
 Copyright (c) 2007 Wizard  Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy