*
  
*
*
*
Login 
  sabato 19 agosto 2017 GLI AEREI DAL 1903 AL 1938 (I PRIMI ANNI) * ANSALDO SVA 5 Registrazione 
 I NOSTRI INDIRIZZI Riduci

GLI INDIRIZZI DEL G.M.T.

GRUPPO MODELLISTICO TRENTINO

SEDE SOCIALE

Via Abondi 9 – TRENTO
c/o Circolo Culturale
“La Ginestra”

La Sede è aperta su richiesta dei Soci o in occasione degli incontri periodici. Per la richiesta di apertura è sufficiente contattare con adeguato anticipo il nostro Segretario, Flavio Chistè, al numero 333/2685578.
Per chi viene da fuori Trento, cliccando nel link sottostante può stampare una comoda piantina per raggiungerci.

PIANTINA SEDE (PDF)


E-MAIL DEL GRUPPO:
info@gmtmodellismo.it


PRESIDENTE E
RAPPORTI CON I SOCI:
mirko.daccordi@tin.it


VICE-PRESIDENTE,
GESTIONE DEL SITO WEB E
RESPONSABILE DEL SETTORE NAVALE:
guido.ercole@gmtmodellismo.it


SEGRETARIO:
flavio.chiste52@gmail.com
cell. 333 2685578


FOTOGRAFIA :
fotocorona@gmail.com


MOSTRE MODELLISTICHE:
girolamolorusso@gmail.com


RAPPORTI CON IL
MUSEO CAPRONI
massimocosi@tiscalinet.it


Corrispondenza:

G.M.T. – Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica
c/o Flavio Chistè
Via S.Anna, 73 - Gardolo
38121 TRENTO TN

CI TROVI ANCHE SU



A QUESTO LINK:


GMT SU FACEBOOK


GRUPPO ADERENTE AL



AGGIORNATO IL 7.11.2015

Syndicate   Stampa   
 ANSALDO SVA 5 Riduci

ANSALDO SVA 5

L’Ansaldo SVA 5 fu progettato nel 1916, durante le fasi salienti della Prima Guerra Mondiale, dagli Ingegneri Umberto Savoia e Rodolfo Verduzio con la collaborazione anche di quel genio della progettazione aeronautica che fu Celestino Rosatelli. Il prototipo fu collaudato da Mario Stoppani il 19 marzo 1917.


Lo SVA 5 di Gino Allegri esposto al Museo dell’Aeronautica
“Gianni Caproni” di Trento.


La sua produzione fu affidata alla Ansaldo di Genova, ditta che ne garantiva una rapida e sostanziosa produzione in tempi molto brevi. Data la sua autonomia e la sua robustezza, fu costruito in oltre 2.000 esemplari nelle versioni mono e biposto, che servirono, fino a tutti gli anni ’20 dello scorso secolo, prima con l’Aviazione del Regio Esercito e poi con la neonata Regia Aeronautica.
Il nome dell’aereo è in realtà una sigla che deriva dai suoi principali progettisti e dalla ditta costruttrice. SVA vuol significare, infatti, Savoia – Verduzio – Ansaldo.
L’aereo si rese protagonista di notevoli imprese aeronautiche, in guerra e in pace, tra le quali le più famose restano senza ombra di dubbio il volo su Vienna, effettuate il 9 agosto 1918 da sette aerei dell’87ª Squadriglia “Serenissima” comandati da Gabriele D’Annunzio, e il volo Roma-Tokio, portato a termine nel 1920 da Arturo Ferrarin e Francesco Masiero.
Lo SVA 5 era armato, nella versione militare, con due mitragliatrici Vickers fisse in caccia sul muso, poteva portare tre bombe da 162 mm o, in alternativa, una spezzoniera Bettica o due fotocamere Lamperti e Garbagnati. La sua struttura era interamente in legno e le ali e gli impennaggi di coda erano rivestiti in tela.
Presso il Museo dell’Aeronautica “Gianni Caproni” di Trento è esposto uno splendido esemplare di SVA 5: quello della medaglia d’oro Gino Allegri, che partecipò al predetto volo su Vienna del 9 agosto 1918.


Due dettagli del predetto aereo: a sinistra lo stemma dell’87ª Squadriglia,
a destra: vista frontale con l’elica e il radiatore.
Museo del’l’Aeronautica “Gianni Caproni” di Trento.


Approfittando della possibilità di esaminare “dal vero” uno di questi aerei per riprodurre i vari dettagli, ho acquistato una scatola di montaggio prodotta della “MHV MODELS” che fornisce un ottimo kit in resina di questo aereo, in scala 1/72. I dettagli delle varie “stampate” sono veramente ottimi, quali solo la resina può consentire. Molto buone anche le decals che permettono proprio la riproduzione di un aereo dell’87ª squadriglia “Serenissima”, che partecipò al Volo su Vienna.
Unico motivo di attenzione è che, come in quasi tutti i kit in resina, mancano gli incastri tra le varie parti ed occorre star molto attenti a quando si separano questi pezzi dalle “stampate”, al fine di non fare danni. Specialmente i montanti alari e quelli del carrello, essendo molto sottili, sono infatti molto facili a spezzarsi.


Il modello dello SVA 5 della MHV MODELS costruito da Guido Ercole.


Per il montaggio ho usato l’Attak “gel” che, avendo una certa consistenza, facilita l’adesione tra di loro anche dei pezzi più difficili. Va comunque prestata molta attenzione ad usarne piccole quantità al fine di non creare antiestetiche “gobbe” o comunque “accumuli” di prodotto. Attenzione, con questo prodotto, anche alle dita! I tiranti che legano tra di loro i montanti alari sono stati simulati con del filo da cucire di plastica trasparente, molto sottile al fine di garantirne le proporzioni.
Ne è uscito un bel modello che, attualmente, è pure esposto all’ingresso del predetto Museo “Caproni”, assieme ad altri 104 modelli di aerei italiani di tutti i tempi della mia collezione, tutti rigorosamente in scala 1/72 per permetterne un rapido confronto dimensionale tra di loro.
Il fatto poi che, presso il citato Museo, siano presenti “dal vero” anche vari aerei o reperti importanti degli stessi (oltre allo stesso SVA 5 ricordiamo il Savoia Marchetti S 79, il Caproni Ca 100, l’elicottero Agusta Bell AB 47 G-3, parti della fusoliera del Reggiane Re 2005 e del Macchi Mc 200, ecc.) permette al visitatore anche un rapido confronto dimensionale aerei veri/modelli esposti.


Altre due foto del predetto modello: a sinistra vista di tre quarti superiore
a destra: vista frontale con l’elica e il radiatore.


Un sincero ringraziamento a Luca Gabrielli, Curatore del Museo “Gianni Caproni”, che ha dato l’autorizzazione a pubblicare le foto annesse a questo articolo.

Guido Ercole



AGGIORNATO IL 10 GIUGNO 2014

 Stampa   
 NOTIZIE G.M.T. Riduci

I LIBRI
DEL G.M.T.

In libreria o in vendita su questo sito web, i libri dati alle stampe dal G.M.T.


Le copertine dei libri ancora disponibili.


Cliccando nei link sottostanti puoi vedere come ordinare i libri al nostro Gruppo nonché le schede dei volumi ancora disponibili.

COME ORDINARE
I LIBRI DEL G.M.T.

PROMOZIONE LIBRI
SCONTO DEL 30%

LE RECENSIONI
DELLA STAMPA

LIBRI DI
AERONAUTICA

I COLORI DEGLI AEREI
ITALIANI DELLA
GRANDE GUERRA
Ipotesi e certezze

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA
Volume secondo

ELICOTTERI E COLORI

THUNDER TRICOLORI
REPUBLIC F-84F E RF-84-F

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA

I CACCIA ITALIANI DELLA SERIE 80

ITALIAN SPECIAL COLOURS

LIBRI DI NAVI

VENEZIA ‘800: BUFERA IN ARSENALE
La Marina veneziana
nel ventennio napoleonico (1796-1815

DURI I BANCHI!
Le navi della Serenissima – 421/1797

I BUCINTORO DELLA SERENISSIMA
The ceremonial state barges
of the Venetian Republic

VASCELLI E FREGATE DELLA SERENISSIMA
Navi di linea della marina veneziana 1652 - 1797

GALEAZZE – Un sogno veneziano

LIBRI DI
MEZZI MILITARI

M-113 In Italia
Veicolo Trasporto Truppe e derivati

LE TRATTRICI ITALIANE
DELLA GRANDE GUERRA
Il traino meccanico delle artiglierie
dalle origini al 1918

LINCE - Light Multirole Vehicle

CARRO M – VOLUME 2°

IL CARRO L 6

IL CARRO L 3

LE FORZE ARMATE DELLA R S I 1943-45

LE MONOGRAFIE
DEL G.M.T.

1 - UNA NAVE ETRUSCA

2 - GLI HARRIER DELLA MARINA ITALIANA

3 - LE CANNONIERE DEL GARDA
La vera storia delle “scialuppe cannoniere” (1859-1881)
e il ritrovamento del relitto della “Sesia”

4 - UNA NAVE PUNICA

5 – LE CAMIONETTE
DEL REGIO ESERCITO



AGGIORNATO IL 10.06.2017

Syndicate   Stampa   
 NEWS GMT Riduci

Syndicate   Stampa   
 Copyright (c) 2007 Wizard  Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy