*
  
*
*
*
Login 
  venerdì 22 settembre 2017 GLI AEREI DAL 1939 AL 1945 - 2ª GUERRA MONDIALE * IMAM Ro.44 - Special Hobby, 1/48 Registrazione 
 I NOSTRI INDIRIZZI Riduci

GLI INDIRIZZI DEL G.M.T.

GRUPPO MODELLISTICO TRENTINO

SEDE SOCIALE

Via Abondi 9 – TRENTO
c/o Circolo Culturale
“La Ginestra”

La Sede è aperta su richiesta dei Soci o in occasione degli incontri periodici. Per la richiesta di apertura è sufficiente contattare con adeguato anticipo il nostro Segretario, Flavio Chistè, al numero 333/2685578.
Per chi viene da fuori Trento, cliccando nel link sottostante può stampare una comoda piantina per raggiungerci.

PIANTINA SEDE (PDF)


E-MAIL DEL GRUPPO:
info@gmtmodellismo.it


PRESIDENTE E
RAPPORTI CON I SOCI:
mirko.daccordi@tin.it


VICE-PRESIDENTE,
GESTIONE DEL SITO WEB E
RESPONSABILE DEL SETTORE NAVALE:
guido.ercole@gmtmodellismo.it


SEGRETARIO:
flavio.chiste52@gmail.com
cell. 333 2685578


FOTOGRAFIA :
fotocorona@gmail.com


MOSTRE MODELLISTICHE:
girolamolorusso@gmail.com


RAPPORTI CON IL
MUSEO CAPRONI
massimocosi@tiscalinet.it


Corrispondenza:

G.M.T. – Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica
c/o Flavio Chistè
Via S.Anna, 73 - Gardolo
38121 TRENTO TN

CI TROVI ANCHE SU



A QUESTO LINK:


GMT SU FACEBOOK


GRUPPO ADERENTE AL



AGGIORNATO IL 7.11.2015

Syndicate   Stampa   
 IMAM Ro.44 - Special Hobby, 1/48 Riduci

IMAM Ro.44

Special Hobby, 1/48

L’IMAM Ro.44 era un idrocaccia monomotore, biplano, realizzato in tecnica mista e dall'aspetto convenzionale. Era derivato dallo sviluppo del ricognitore Ro.43, del quale manteneva la maggior parte della cellula e le caratteristiche salienti. Per permettere di ricoverare gli aerei sulle navi, le ali del Ro.44 erano incernierate nella parte posteriore così da poterle ripiegare all'indietro.


La copertina della scatola dell’IMAM Ro 44 in 1/48
della Special Hobby.


Erano realizzate con uno schema biplano-sequiplano che introduceva una doppia ala di gabbiano realizzata con struttura bilongherone in tubi di duralluminio e centine in legno. L'ala superiore, collegata lateralmente alla parte alta sulla fusoliera, consentiva al pilota, grazie alla predetta configurazione ad ala di gabbiano, una buona visibilità sia anteriore che verso l'alto.
Il motore era un radiale Piaggio P.X, a 9 cilindri su un'unica stella, raffreddato ad aria e racchiuso in una cappottatura NACA, in grado di erogare una potenza pari a 700 CV. L’elica era tripala.
Il flottaggio era assicurato da un grande galleggiante centrale realizzato in legno rivestito in compensato, collegato alla parte inferiore della fusoliera da un castello tubolare in acciaio, e integrato da due galleggianti equilibratori più piccoli installati sulla superficie inferiore dell'ala bassa. L'armamento era quello classico dei caccia italiani dell’epoca ed era composto da una coppia di mitragliatrici Breda-SAFAT da 12,7 mm fisse in caccia sul muso che sparavano attraverso il disco dell'elica, integrate da un collimatore a cannocchiale.
Una gustosa novità per gli amanti della Regia Aeronautica è rappresentata ora dall’uscita di un kit della Special Hobby che permette la realizzazione di un ottimo modello di Ro-44 in scala 1/48 che, assieme al fratello da ricognizione biposto R-43, è il classico short run dell’ultima generazione della ditta ceca. Realizzato in plastica grigia e ben lavorabile, presenta alcune bave da stampaggio (ma nulla di preoccupante) e anche i segni degli estrattori sono posizionati in punti ben nascosti. Le incisioni si presentano nitide e sottili e l’effetto della tela della fusoliera è stato reso piuttosto bene, anche se - come d’altronde su quasi tutti i kit di aerei con costruzione mista - un poco pronunciata, ma sempre comunque realistica.


Due ottime stampate del kit della Special Hobby.


Le semiali superiori e inferiori, nonché vari montanti alari, sono gli stessi della scatola del Ro.43, versione biposto da ricognizione e osservazione del tiro da cui il Ro.44 deriva. Anche queste sono stampate, come la fusoliera, con un bell’effetto tela e con fini incisioni per le parti mobili.
Gli interni di questo idrocaccia sono trattati molto bene da Special Hobby, che fornisce l’intelaiatura interna del cockpit, oltre a un bel sedile e un cruscotto, anche se minimale. Gli interni sono completati da una bella lastrina foto incisa, con le fibbie del paracadute corredate da pregevoli catenelle che completano la dotazione del paracadute italiano dell’epoca. Completa il cockpit la radio, fornita in resina grigio chiara in una bustina, unitamente ad altri particolari destinati al motore.
Questo, poi, è un vero modello nel modello: le parti in plastica, ovvero le due metà del motore radiale, i collettori di alimentazione e il carter, sono completati dagli scarichi, in quattro parti, che vanno dalle teste dei cilindri ai due scarichi del motore, posti ai lati della fusoliera. Per completare questo bel pezzo, bastano le aste delle punterie e i cavi delle candele.
Ben realizzati gli scarponi del biplano; quello principale, inoltre, potrà essere collocato nella corretta posizione rispetto alla fusoliera con una apposta dima in plastica fornita dal Special Hobby: ottima idea!! Il montaggio da scatola non sembra presentare, per un modellista di media esperienza, particolari difficoltà ma vista l’assenza di riscontri e spine di fissaggio, specie per i montanti alari e dei galleggianti, è fortemente consigliato la realizzazione di spine di fissaggio in metallo (ottimo l’acciaio armonico ma, in assenza di questo, anche del filo di ottone da 2 mm per modellismo navale va bene allo scopo).
Analogamente, non esistono riscontri per i vari cavi alari, che andranno realizzati prima del montaggio con una micro punta da 0,5 mm o più piccola, dopo un accurato studio delle istruzioni e delle fotografie reperite in rete o su qualche monografia dedicata a questo aereo.


Una foto d’epoca di un Ro 44 su carrello
con le ali ripiegate.


Le decals, che permettono la realizzazione di due esemplari, entrambi in finitura alluminio, sono ben stampate con colori saturi anche se le strisce antimimetiche da collocare sull’ala superiore e destinate al kit che rappresenta un velivolo imbarcato su di un incrociatore della Regia Marina, sono stampate in un rosso che mi lascia un po’ perplesso, ma non avendo fotografie a colori con un cromia affidabile, sospendo ogni giudizio, anche se il modellista più esigente non farà fatica a realizzarle mediante mascheratura con il rosso della tonalità che riterrà più corretta.
Per chi vuole realizzare il modello su di un piccolo diorama, CMK propone il carrello di alaggio in resina, anche questo realizzato nella consueta resina grigia.
In estrema sintesi, un valido kit multimediale, scuramente non adatto ai principianti o a modellisti privi di esperienza con i modelli short run, ma sicuramente in grado di riprodurre un vero rare bird della Regia Aeronautica!
Si ringrazia TRENTOTRENO per aver fornito il kit recensito.

Marco Panciroli

PUBBLICATO IL 21 NOVEMBRE 2015

 Stampa   
 NOTIZIE G.M.T. Riduci

I LIBRI
DEL G.M.T.

In libreria o in vendita su questo sito web, i libri dati alle stampe dal G.M.T.


Le copertine dei libri ancora disponibili.


Cliccando nei link sottostanti puoi vedere come ordinare i libri al nostro Gruppo nonché le schede dei volumi ancora disponibili.

COME ORDINARE
I LIBRI DEL G.M.T.

PROMOZIONE LIBRI
SCONTO DEL 30%

LE RECENSIONI
DELLA STAMPA

LIBRI DI
AERONAUTICA

I COLORI DEGLI AEREI
ITALIANI DELLA
GRANDE GUERRA
Ipotesi e certezze

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA
Volume secondo

ELICOTTERI E COLORI

THUNDER TRICOLORI
REPUBLIC F-84F E RF-84-F

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA

I CACCIA ITALIANI DELLA SERIE 80

ITALIAN SPECIAL COLOURS

LIBRI DI NAVI

VENEZIA ‘800: BUFERA IN ARSENALE
La Marina veneziana
nel ventennio napoleonico (1796-1815

DURI I BANCHI!
Le navi della Serenissima – 421/1797

I BUCINTORO DELLA SERENISSIMA
The ceremonial state barges
of the Venetian Republic

VASCELLI E FREGATE DELLA SERENISSIMA
Navi di linea della marina veneziana 1652 - 1797

GALEAZZE – Un sogno veneziano

LIBRI DI
MEZZI MILITARI

M-113 In Italia
Veicolo Trasporto Truppe e derivati

LE TRATTRICI ITALIANE
DELLA GRANDE GUERRA
Il traino meccanico delle artiglierie
dalle origini al 1918

LINCE - Light Multirole Vehicle

CARRO M – VOLUME 2°

IL CARRO L 6

IL CARRO L 3

LE FORZE ARMATE DELLA R S I 1943-45

LE MONOGRAFIE
DEL G.M.T.

1 - UNA NAVE ETRUSCA

2 - GLI HARRIER DELLA MARINA ITALIANA

3 - LE CANNONIERE DEL GARDA
La vera storia delle “scialuppe cannoniere” (1859-1881)
e il ritrovamento del relitto della “Sesia”

4 - UNA NAVE PUNICA

5 – LE CAMIONETTE
DEL REGIO ESERCITO



AGGIORNATO IL 10.06.2017

Syndicate   Stampa   
 NEWS GMT Riduci

Syndicate   Stampa   
 Copyright (c) 2007 Wizard  Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy