*
  
*
*
*
Login 
  domenica 17 dicembre 2017 GLI AEREI DAL 1903 AL 1938 (I PRIMI ANNI) * NIEUPORT Ni-11 Kit Revell, 1/72 Modificato Registrazione 
 I NOSTRI INDIRIZZI Riduci

GLI INDIRIZZI DEL G.M.T.

GRUPPO MODELLISTICO TRENTINO

SEDE SOCIALE

Via Abondi 9 – TRENTO
c/o Circolo Culturale
“La Ginestra”

La Sede è aperta su richiesta dei Soci o in occasione degli incontri periodici. Per la richiesta di apertura è sufficiente contattare con adeguato anticipo il nostro Segretario, Flavio Chistè, al numero 333/2685578.
Per chi viene da fuori Trento, cliccando nel link sottostante può stampare una comoda piantina per raggiungerci.

PIANTINA SEDE (PDF)


E-MAIL DEL GRUPPO:
info@gmtmodellismo.it


PRESIDENTE E
RAPPORTI CON I SOCI:
mirko.daccordi@tin.it


VICE-PRESIDENTE,
GESTIONE DEL SITO WEB E
RESPONSABILE DEL SETTORE NAVALE:
guido.ercole@gmtmodellismo.it


SEGRETARIO:
flavio.chiste52@gmail.com
cell. 333 2685578


FOTOGRAFIA :
fotocorona@gmail.com


MOSTRE MODELLISTICHE:
girolamolorusso@gmail.com


RAPPORTI CON IL
MUSEO CAPRONI
massimocosi@tiscalinet.it


Corrispondenza:

G.M.T. – Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica
c/o Flavio Chistè
Via S.Anna, 73 - Gardolo
38121 TRENTO TN

CI TROVI ANCHE SU



A QUESTO LINK:


GMT SU FACEBOOK


GRUPPO ADERENTE AL



AGGIORNATO IL 7.11.2015

Syndicate   Stampa   
 NIEUPORT Ni-11 BEBÉ- Kit Revell, 1/72 Modificato Riduci

NIEUPORT Ni-11 “BEBÉ”

Kit Revell, 1/72 modificato

Nel 1914 la ditta francese Nieuport di Issy-les-Moulineaux mise a punto un aereo, con l’originale concezione “sesquiplana”, denominato Ni-10. Questa formula voleva conciliare la rigidità strutturale della cellula “biplana”con i vantaggi offerti da quella “monoplana”, specialmente per quanto riguarda la visibilità da parte del pilota.



Il modello del Nieuport Ni-11 Bebè in scala 1/72,
costruito da Guido Ercole.


Questo aereo risultò quindi, praticamente, un monoplano con ala alta “parasole”con tradizionale struttura bi longherone, provvisto però di una seconda aletta inferiore, monolongherone, di corda (profondità) ridotta.
L’aereo, progettato da Gustave Delage, aveva un motore rotativo da 80 CV del tipo Gnôme o Rhône ed era un biposto da osservazione, che apparve sul fronte francese nell’estate del 1915. Inizialmente disarmato, a parte le armi individuali dell’equipaggio, montò in seguito una mitragliatrice (Hotchiss o Lewis) che sparava attraverso l’ala superiore.
Questo aereo entrò in servizio anche con squadriglie britanniche, belghe e italiane. In Italia venne prodotto su licenza dalla ditta Nieuport-Macchi di Varese. A seguito delle sempre crescenti necessità belliche, gli aerei impiegati al fronte si andavano però sempre più specializzando.
Dal Nieuport 10 venne quindi derivato il Ni-12,sempre da osservazione, leggermente più grande e con motore da 110-130 CV, mentre molti Ni-10 passarono al ruolo di caccia, abolendo il posto dell’osservatore per compensare il maggior peso indotto dalla mitragliatrice che, montata su affusto Foster, poteva sparare in avanti e verso l’alto. Dalle esperienze belliche di quest’ultima modifica, Delage ricavò un caccia vero e proprio che fu battezzato Ni-11 “Bebè”, date le sue piccole dimensioni.
Aveva lo stesso motore del Ni-10 ma, date le sue minori dimensioni e minor peso, aveva delle prestazioni molto più brillanti.


Altre due foto del predetto modello da diverse angolatura.


Il suo sviluppo fu assai rapido al punto che, già nell’estate del 1915, qualche esemplare fu schierato nelle squadriglie inglesi e francesi e quindi, in seguito, anche in quelle italiane.
Pur avento ottime prestazioni, il Ni-10 aveva anche alcuni seri inconvenienti tra cui i più eclatanti la fragilità di costruzione e la difficoltà di pilotaggio dovuta alla coppia indotta dal motore rotativo che tendeva a farlo imbardare, specialmente durante il decollo. Questi difetti furono poi eliminati nel suc cessivo Ni-17, che montava un motore radiale ed era di costruzione più robusta.
Non essendo disponibile un modello di Ni-11 in scala 1/72, il modello che illustra questo articolo è stato costruito partendo dal kit di un Ni-17 prodotto dalla Revell e apportandovi diverse modifiche.
In particolare:
■ è stata ridotta l’apertura alare del modello tenendo presente che quella del Ni-11 era di m 7,55 contro i m 8,22 del Ni-17 (67 cm, pari a mm 9,3 in scala 1/72);
■ è state tolta la mitragliatrice sincronizzata Vickers posta davanti al pilota sopra la fusoliera e ne è stata installata una Lewis su affusto Foster situato sopra l’ala superiore e che sparava al di fuori del cerchio dell’elica;
■ è stato installato un motore rotativo Rhône 9C da 80 CV, al posto del motore Rhône 9Jb da 130 CV montato dal Ni-17, modificandone di conseguenza anche la relativa capottatura.
Il modello è stato poi dipinto nel tradizionale color alluminio con cui venivano dipinte le superfici degli aerei italiani in quel primo periodo di guerra, con la livrea di un aereo che l’85ª Squadriglia schierava in Albania nel 1917.



Alcuni Nieuport Ni-11 italiani schierati su un aeroporto durante la Grande Guerra.


Il modello di Nieuport Ni-11 sopra riportato è attualmente esposto nella bacheca che illustra la storia dell’Aviazione in Italia presso il Museo dell’Aviazione ‘’Gianni Caproni’’ di Trento.

Guido Ercole




PUBBLICATO IL 18 APRILE 2015

 Stampa   
 NOTIZIE G.M.T. Riduci

A NATALE
REGALA
UN LIBRO

Approfitta dell’offerta

SCONTO 30%

cliccando nel link più sotto elencato!



I LIBRI
DEL G.M.T.

In libreria o in vendita su questo sito web, i libri dati alle stampe dal G.M.T.


Le copertine dei libri ancora disponibili.


Cliccando nei link sottostanti puoi vedere come ordinare i libri al nostro Gruppo nonché le schede dei volumi ancora disponibili.

COME ORDINARE
I LIBRI DEL G.M.T.

PROMOZIONE LIBRI
SCONTO DEL 30%

LE RECENSIONI
DELLA STAMPA

LIBRI DI
AERONAUTICA

I COLORI DEGLI AEREI
ITALIANI DELLA
GRANDE GUERRA
Ipotesi e certezze

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA
Volume secondo

ELICOTTERI E COLORI

THUNDER TRICOLORI
REPUBLIC F-84F E RF-84-F

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA

I CACCIA ITALIANI DELLA SERIE 80

ITALIAN SPECIAL COLOURS

LIBRI DI NAVI

VENEZIA ‘800: BUFERA IN ARSENALE
La Marina veneziana
nel ventennio napoleonico (1796-1815

DURI I BANCHI!
Le navi della Serenissima – 421/1797

I BUCINTORO DELLA SERENISSIMA
The ceremonial state barges
of the Venetian Republic

VASCELLI E FREGATE DELLA SERENISSIMA
Navi di linea della marina veneziana 1652 - 1797

GALEAZZE – Un sogno veneziano

LIBRI DI
MEZZI MILITARI

M-113 In Italia
Veicolo Trasporto Truppe e derivati

LE TRATTRICI ITALIANE
DELLA GRANDE GUERRA
Il traino meccanico delle artiglierie
dalle origini al 1918

LINCE - Light Multirole Vehicle

CARRO M – VOLUME 2°

IL CARRO L 6

IL CARRO L 3

LE FORZE ARMATE DELLA R S I 1943-45

LE MONOGRAFIE
DEL G.M.T.

1 - UNA NAVE ETRUSCA

2 - GLI HARRIER DELLA MARINA ITALIANA

3 - LE CANNONIERE DEL GARDA
La vera storia delle “scialuppe cannoniere” (1859-1881)
e il ritrovamento del relitto della “Sesia”

4 - UNA NAVE PUNICA

5 – LE CAMIONETTE
DEL REGIO ESERCITO

6 – GALEE VENEZIANE
PER CAPO DA MAR
L’eccellenza della flotta remiera
della Serenissima



AGGIORNATO IL 10.12.2017

Syndicate   Stampa   
 NEWS GMT Riduci

Syndicate   Stampa   
 Copyright (c) 2007 Wizard  Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy