*
  
*
*
*
Login 
  sabato 21 ottobre 2017 GLI AEREI DAL 1903 AL 1938 (I PRIMI ANNI) * BUGATTI 100P Registrazione 
 I NOSTRI INDIRIZZI Riduci

GLI INDIRIZZI DEL G.M.T.

GRUPPO MODELLISTICO TRENTINO

SEDE SOCIALE

Via Abondi 9 – TRENTO
c/o Circolo Culturale
“La Ginestra”

La Sede è aperta su richiesta dei Soci o in occasione degli incontri periodici. Per la richiesta di apertura è sufficiente contattare con adeguato anticipo il nostro Segretario, Flavio Chistè, al numero 333/2685578.
Per chi viene da fuori Trento, cliccando nel link sottostante può stampare una comoda piantina per raggiungerci.

PIANTINA SEDE (PDF)


E-MAIL DEL GRUPPO:
info@gmtmodellismo.it


PRESIDENTE E
RAPPORTI CON I SOCI:
mirko.daccordi@tin.it


VICE-PRESIDENTE,
GESTIONE DEL SITO WEB E
RESPONSABILE DEL SETTORE NAVALE:
guido.ercole@gmtmodellismo.it


SEGRETARIO:
flavio.chiste52@gmail.com
cell. 333 2685578


FOTOGRAFIA :
fotocorona@gmail.com


MOSTRE MODELLISTICHE:
girolamolorusso@gmail.com


RAPPORTI CON IL
MUSEO CAPRONI
massimocosi@tiscalinet.it


Corrispondenza:

G.M.T. – Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica
c/o Flavio Chistè
Via S.Anna, 73 - Gardolo
38121 TRENTO TN

CI TROVI ANCHE SU



A QUESTO LINK:


GMT SU FACEBOOK


GRUPPO ADERENTE AL



AGGIORNATO IL 7.11.2015

Syndicate   Stampa   
 BUGATTI 100P Riduci

BUGATTI 100P

Planet Models, 1/48

Il Bugatti 100P venne progettato nel 1937 da Louis de Monge, un ingegnere belga già costruttore di eliche nella 1a Guerra Mondiale e poi progettista di ali bimotori autoportanti sulla falsa riga del Burnelli UB-14; quest’ultimo senz’altro uno dei più brutti aerei mai costruiti. Dopo un intervallo lavorativo in qualità di progettista per una fabbrica di motociclette, De Monge venne, infine, assunto da Ettore Bugatti, all’epoca famoso costruttore di auto da corsa.



La copertina della scatola del ‘’Bugatti 100P’’.


L'aereo era concepito in risposta al concorso indetto nel 1937 dal Governo francese per un velivolo da prodursi sia in versione di aereo da corsa, sia come aereo da caccia. Il de Monge si prodigò nel dare forma alle idee di Bugatti, che voleva trasportare l’eleganza delle sue auto anche nel settore aeronautico. Tra disegno e costruzione il primo esemplare richiese più di due anni per l’assemblaggio ed era in fase di completamento quando la Germania invase la Francia nel 1940. Venne quindi rapidamente nascosto in un fienile vicino alla proprietà di Bugatti per evitarne il sequestro, ove rimase dimenticato per quasi trent'anni. Purtroppo, non ha mai volato ma dopo essere passato attraverso diversi proprietari è infine giunto al Museo a Oshkosh (Pioneer Airport) nel Wisconsin, in USA, dove è stato infine restaurato negli ultimi anni.



L’aereo originale esposto al Museo di Oshkosh.


L’aereo ha un estetica molto spinta, con forme assolutamente avveniristiche per l’epoca in cui fu concepito. Il prototipo doveva essere dipinto nel classico azzurro lucido Bugatti e iniziare i voli di prova entro la metà del 1940. Tuttavia, ad un analisi contemporanea, il progetto generale appare carente in molti punti. Per iniziare, due motori V8 per un totale di soli circa 900 cv difficilmente avrebbero potuto dare la potenza necessaria per battere qualsiasi record alla fine del 1930, quando esistevano già idrovolanti da corsa da 2.000 cv, con velocità superiori ai 640 Km/h. Dal punto di vista militare, poi, due piccoli motori che a malapena si avvicinavano alla potenza di un V-12 non sembravano certo adatti all’impiego previsto, con carichi aggiuntivi derivanti dalle armi, le blindature, ecc. Inoltre, la lunghezza eccessiva degli alberi motori avrebbe probabilmente creato problemi. Infine, la velocità stimata dal progettista di ben 885 chilometri all'ora o di 531 mph, appare chiaramente esagerata.
Tuttavia l’aereo mantiene intatto il fascino delle sue forme, figlio di un epoca che ha regalato enormi progressi all’aviazione.
Alla perenne ricerca di soggetti strani e inusuali la Planet Models ha quindi dedicato un kit in 1/48 a questo aereo. Il tutto è confezionato in una robusta scatola, con un bel disegno del velivolo. I pezzi sono contenuti in buste di plastica termosaldata. Le istruzioni, in ceco e inglese sono assai semplici, però al limite della comprensione per quanto riguarda l’abitacolo e il posizionamento dei pezzi. Un disegno in più non avrebbe guastato… Nessun riferimento coloristico viene fornito, ma l’immagine sulla scatola e quelle reperibili in rete forniranno tutte le indicazioni. Nessuna decalcomania è presente ma, d’altra parte, non sono necessarie.



Le parti principali del kit della Planet Models.


Il kit della Planet Models è comunque molto ben concepito. Piani di coda, ali e fusoliera sono infatti in un pezzo unico, assai ben fatto. Le pannellature sono incise, le sbavature e i segni della stampata minimi. L’unico difetto trovato è una piccola bollicina d’aria su una delle griglie di raffreddamento dei piani di coda. Le parti in resina aggiuntive servono come detto per dettagliare l’abitacolo, per i carrelli, gli scarichi e le eliche. Le gambe di forza sono in metallo; per applicarle bisognerà praticare un piccolo foro nel vano carrello per l’incastro. Il tettuccio è in vacuform ( ne vengono forniti due identici).
Tra i difetti da annoverare, la mancanza della presa d’aria superiore dietro il tettuccio (da rifare in plasticare), le prese d’aria poste alla base della radice alare (erano ovali e non tonde) e la leva di retrazione della gamba del carrello, anch’essa assente nel kit e da auto costruire.
Tutto sommato un modello accattivante, veloce da costruire e decisamente colorato. Con un adeguata ambientazione e la sua bella colorazione in blu lucido costituirà sicuramente un piacevole colpo d’occhio nella nostra collezione.

Luigi Carretta

PUBBLICATO IL 10 SETTEMBRE 2011

 Stampa   
 NOTIZIE G.M.T. Riduci

I LIBRI
DEL G.M.T.

In libreria o in vendita su questo sito web, i libri dati alle stampe dal G.M.T.


Le copertine dei libri ancora disponibili.


Cliccando nei link sottostanti puoi vedere come ordinare i libri al nostro Gruppo nonché le schede dei volumi ancora disponibili.

COME ORDINARE
I LIBRI DEL G.M.T.

PROMOZIONE LIBRI
SCONTO DEL 30%

LE RECENSIONI
DELLA STAMPA

LIBRI DI
AERONAUTICA

I COLORI DEGLI AEREI
ITALIANI DELLA
GRANDE GUERRA
Ipotesi e certezze

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA
Volume secondo

ELICOTTERI E COLORI

THUNDER TRICOLORI
REPUBLIC F-84F E RF-84-F

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA

I CACCIA ITALIANI DELLA SERIE 80

ITALIAN SPECIAL COLOURS

LIBRI DI NAVI

VENEZIA ‘800: BUFERA IN ARSENALE
La Marina veneziana
nel ventennio napoleonico (1796-1815

DURI I BANCHI!
Le navi della Serenissima – 421/1797

I BUCINTORO DELLA SERENISSIMA
The ceremonial state barges
of the Venetian Republic

VASCELLI E FREGATE DELLA SERENISSIMA
Navi di linea della marina veneziana 1652 - 1797

GALEAZZE – Un sogno veneziano

LIBRI DI
MEZZI MILITARI

M-113 In Italia
Veicolo Trasporto Truppe e derivati

LE TRATTRICI ITALIANE
DELLA GRANDE GUERRA
Il traino meccanico delle artiglierie
dalle origini al 1918

LINCE - Light Multirole Vehicle

CARRO M – VOLUME 2°

IL CARRO L 6

IL CARRO L 3

LE FORZE ARMATE DELLA R S I 1943-45

LE MONOGRAFIE
DEL G.M.T.

1 - UNA NAVE ETRUSCA

2 - GLI HARRIER DELLA MARINA ITALIANA

3 - LE CANNONIERE DEL GARDA
La vera storia delle “scialuppe cannoniere” (1859-1881)
e il ritrovamento del relitto della “Sesia”

4 - UNA NAVE PUNICA

5 – LE CAMIONETTE
DEL REGIO ESERCITO



AGGIORNATO IL 10.06.2017

Syndicate   Stampa   
 NEWS GMT Riduci

Syndicate   Stampa   
 Copyright (c) 2007 Wizard  Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy