*
  
*
*
*
Login 
  lunedì 18 gennaio 2021 I CARRI E I MEZZI MILITARI DAL 1940 AD OGGI * SEMOVENTE M42 75/18 - ITALERI - kit n° 6569, 1/35 Registrazione 
 I NOSTRI INDIRIZZI Riduci

GLI INDIRIZZI DEL G.M.T.

GRUPPO MODELLISTICO TRENTINO

SEDE SOCIALE

Via Abondi 9 – TRENTO
c/o Circolo Culturale
“La Ginestra”

La Sede è aperta su richiesta dei Soci o in occasione degli incontri periodici. Per la richiesta di apertura è sufficiente contattare con adeguato anticipo il nostro Segretario, Flavio Chistè, al numero 333/2685578.
Per chi viene da fuori Trento, cliccando nel link sottostante può stampare una comoda piantina per raggiungerci.

PIANTINA SEDE (PDF)


E-MAIL DEL GRUPPO:
info@gmtmodellismo.it


PRESIDENTE E
RAPPORTI CON I SOCI:
mirko.daccordi@tin.it


VICE-PRESIDENTE E FOTOGRAFIA
(CLAUDIO CORONA):
fotocorona@gmail.com


SEGRETARIO:
flavio.chiste52@gmail.com
cell. 333 2685578


RESPONSABILE DEL SETTORE NAVALE E GESTIONE DEL SITO WEB:
guido.ercole@gmtmodellismo.it


MOSTRE MODELLISTICHE:
girolamo.lorusso.gl@gmail.com


RAPPORTI CON IL
MUSEO CAPRONI
massimocosi@tiscalinet.it


Corrispondenza:

G.M.T. – Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica
c/o Flavio Chistè
Via S.Anna, 73 - Gardolo
38121 TRENTO TN

CI TROVI ANCHE SU



A QUESTO LINK:


GMT SU FACEBOOK


GRUPPO ADERENTE AL



AGGIORNATO IL10.11.2019

Syndicate   Stampa   
 SEMOVENTE M42 75/18 - ITALERI - kit n° 6569, 1/35 Riduci

SEMOVENTE M42 75/18,

ITALERI - kit n° 6569, 1/35,
di Luigi Carretta


Il Semovente da 75/18 è un soggetto assai ben noto a tutti gli appassionati di mezzi corazzati italiani. Soprannominato “Bassotto” per via della sagoma bassa e sfuggente nacque nel 1941 adattando il pezzo da 75/18 agli scafi dei carri allora in produzione, ossia M40, M41 ed M42.


La copertina della scatola del kit Italeri.


L'armamento era costituito dall'obice 75/18 Mod. 1934/1935 in casamatta, accoppiato ad una mitragliatrice Breda Mod. 30 da 6,5 mm. A fine 1942 vennero ordinati dal Regio Esercito 253 nuovi veicoli, armati però con l’obice il 75/34 Mod. S.F., un pezzo dalle ottime prestazioni controcarri che con il suo colpo ad "effetto pronto" poteva affrontare quasi tutti i carri alleati. Tuttavia solo circa 60 veicoli di questa versione fecero in tempo ad essere consegnati prima dell’8 settembre 1943, e la produzione continuò in seguito per i tedeschi, che come noto si appropriarono di un gran numero di carri e mezzi italiani di ogni tipo, riutilizzandoli dopo avervi apposto le insegne germaniche.
Una riproduzione in scala 1/35 del mezzo era apparsa già negli anni ’70 sotto il vecchio marchio ITALAERI, gravata però da un difetto che riguardava la lunghezza dello scafo, che risultava sostanzialmente troppo corto: l’M42 adottava infatti un diverso motore che richiese ai progettisti di allungare l’M42.
La ditta bolognese ha quindi deciso di mettere mano al vecchio stampo, correggendolo ed integrandolo ove necessario effettuando una lunga e scrupolosa ricerca sugli esemplari attualmente esistenti, compresa la piastra anteriore e relativo cannone con affusto utilizzata per lunghi anni nel c.d. “Vallo Alpino” e oggi custodita presso il Museo della Guerra di Rovereto. Annunciato da lungo tempo il modello è finalmente apparso sugli scaffali dei negozi di modellismo a fine settembre 2020. La scatola di generose dimensioni contiene quattro stampate di colore marrone chiaro, di cui due totalmente nuove per i pezzi di scafo e casamatta, di dimensioni e lunghezza corrette, mentre le altre due sono per alcuni dei pezzi del kit originale che non hanno necessitato di modifiche e correzioni. Solo alcuni, si badi bene. Le istruzioni del resto sono chiare in proposito: una serie di elementi sono già contenuti nelle due stampate di nuova produzione e i vecchi pezzi non vanno usati. Così come i figurini: Italeri sa benissimo che lo standard con cui vennero realizzati molti anni fa non è lo stesso di oggi, e infatti essi non sono indicati nelle istruzioni di montaggio. Lo standard dei pezzi da utilizzare invece è ottimo: la plastica è facilmente lavorabile e buono anche l’incastro dei singoli elementi, il modello si monta bene e velocemente.


Due „stampate” del kit Italeri.


Una gradita aggiunta sono i vari interni del mezzo, con i vecchi pezzi già esistenti sostituiti da altri di nuova produzione, a loro volta integrati con altri pezzi nuovi che permettono di riprodurre trasmissione, albero motore, posto di pilotaggio, apparato radio e rastrelliere delle munizioni, ecc. Sarà quindi facile per chi voglia lasciare gli ampi portelli superiori aperti potere realizzare un’ottima riproduzione degli interni del veicolo. Davvero bella anche la nuova mitragliatrice Breda Mod. 38, di qualità decisamente superiore all’originale, mentre a parte è fornita la replica di una scatola in legno con tre colpi per il cannone e delle taniche di carburante. Un piccolo set di fotoincisioni permette di riprodurre alcuni dettagli, mentre il treno di rotolamento ha i cingoli in vinile, una scelta peraltro in linea con la politica della casa italiana che intende offrire modelli di ottima qualità a prezzi contenuti (e cogliamo l’occasione per segnalare ad esempio l’eccellente T34/85 Zavod 183 Mod. 1944 di Italeri); ulteriori stampate per cingoli a maglie componibili avrebbero sicuramente alzato il prezzo finale, che ora oscilla tra 33 e 35 euro a seconda del rivenditore. Un prezzo più che abbordabile per un ottimo kit, e se si vorrà aggiungere ulteriore dettaglio si potrà acquistare a parte uno dei vari set dedicati ai cingoli dei mezzi italiani disponibili sul mercato; in alternativa i cingoli forniti nella scatola andranno comunque bene.


A sinistra: Una delle tavole con le istruzioni di colorazione del modello,
a destra: le decals del kit.


Le decals sono, come al solito quando si parla di Italeri, di ottima qualità e permettono di riprodurre tre mezzi tedeschi con la mimetica a tre toni giallo sabbia, marrone rossiccio e verde scuro e per un singolo mezzo italiano appartenente alla divisione “Sassari” che prese parte agli scontri di Roma dopo l’8 settembre 1943, anch’esso nella livrea a tre toni ad amebe. In definitiva un ottimo kit a prezzo più che ragionevole, che copre un soggetto ormai disponibile solo in resina e a prezzi ben superiori, e che non mancherà di soddisfare i numerosi appassionati di mezzi italiani dell’ultimo conflitto mondiale. Consigliato.



ENGLISH VERSION

SELF PROPELLED HOWITZER M42 75/18 mm

by Luigi Carretta

The Italian self-propelled gun 75/18 is a very well known item for all fans of Italian armored vehicles. Nicknamed “Dachshund” due to its low and elusive shape, was made in 1941 by adapting the 75/18 piece to the hulls of the tanks then in production, namely the M40, M41 and M42. The main armament consisted of the 75/18 Mod. 1934/1935 howitzer in casemate, coupled to a 6.5 mm Breda Mod. 30 machine gun. At the end of 1942, 253 new vehicles were ordered by the “Regio Esercito” (Italian Royal Army), armed however with the howitzer the 75/34 Mod. S.F., a piece with excellent anti-tank performance that with its "ready effect" shot could deal with almost all allied tanks. However, about only 60 self-propelled guns of this version were delivered to the Army before 8 of September 1943, and production continued thereafter for the Nazis who, as is well known, took a large number of Italian tanks and armed vehicles of all types, reusing them with the insignia of the new management, the black cross.
A 1/35 scale model of this vehicle appeared in the 70s under the old ITALAERI brand, but burdened by a defect concerning the length of the hull, which was substantially too short: the M42 in fact adopted a different engine, that required designers to stretch the M42.
The italian company therefore decided to put a hand to the old mold, correcting and integrating it where necessary by carrying out a long and scrupulous research on the currently existing vehicles, including the front plate and gun used for long years by the Italian Army in the so-called "Vallo Alpino", and today kept at the War Museum of Rovereto. Long-awaited the kit finally appeared in the model shops in late September 2020. The generously sized box contains four tan colored sprues, including two totally new sprues for the hull and casemate now corrected in size and length, while the other two sprues are for the original kit parts that did not require modifications and corrections. Only a few original kit parts, mind you. The instructions sheets, anyway, are absolutely clear about this: a series of pieces are already contained in the two newly sprues, and the similar old pieces should not be used. As well as the tankers figures: Italeri knows very well that the standard with which they were made many years ago is not the same as today, and in fact they are not present in the assembly instructions. The standard of the pieces to be used, on the other hand, is excellent: the plastic is easily workable and the joints of the pieces is also good, the model mounts well and quickly.
A welcome addition are the interiors of the vehicle, with the old pieces already existing replaced by others of new production, integrated with some new pieces that allow to reproduce the transmission, crankshaft, guide position, radio equipment and ammunition racks. , etc. It will therefore be easy for those who want to leave the large upper doors open to be able to create an excellent reproduction of the vehicle interior. The new Breda Mod. 38 machine gun is also really beautiful, of much higher quality than the original, while a replica of a wooden box with three shots for the howitzer and fuel cans are supplied. A small PE fret allows to reproduce some details, while the tracks are molded into a single piece of vinyl, a choice in line with the policy of the Italian company which want to offer excellent quality models at affordable prices (like the excellent T34 / 85 Zavod 183 Mod. 1944 by Italeri); modular link tracks would certainly have raised the final price, now between 33 and 35 euros depending the hobby shop you walk in. A very affordable price for an excellent kit, and if you want to add more detail you can buy one of the various aftermarket kits dedicated to the tracks of Italian vehicles; if not, the tracks supplied in the box will still be fine.
The decals are, as usual when we talking about Italeri, of excellent quality and allow you to reproduce three German vehicles with the Italian three-tone camouflage of sand yellow, reddish brown and dark green, and for a single Italian vehicle belonging to the "Sassari" division that took part in the clashes in Rome after the 8 September 1943, also in the three-tone livery. Ultimately an excellent kit at a more than reasonable price, which covers a subject now available only in resin and at much higher prices, and which will not fail to satisfy the numerous fans of Italian vehicles of the last world war. Highly recommended.

PUBBLICATO IL 1° GENNAIO 2021

 Stampa   
 I LIBRI DEL G.M.T. Riduci

I LIBRI
DEL G.M.T.

In libreria o in vendita su questo sito web, i libri dati alle stampe dal G.M.T.


Le copertine dei libri ancora disponibili.


Cliccando nei link sottostanti puoi vedere come ordinare i libri al nostro Grupp, le offerte speciali e il CATALOGO 2020.

COME ORDINARE
I LIBRI DEL G.M.T.

LE RECENSIONI
DELLA STAMPA

CATALOGO 2020
(PDF)

LIBRI DI
AERONAUTICA

I COLORI DEGLI AEREI
ITALIANI DELLA
GRANDE GUERRA
Ipotesi e certezze

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA
Volume secondo

ELICOTTERI E COLORI

THUNDER TRICOLORI
REPUBLIC F-84F E RF-84-F

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA

I CACCIA ITALIANI DELLA SERIE 80

ITALIAN SPECIAL COLOURS

LIBRI DI NAVI

VIVA SAN MARCO!
Storia di una Repubblica Marinara
Venezia, 421-1797

VENEZIA ‘800: BUFERA IN ARSENALE
La Marina veneziana
nel ventennio napoleonico (1796-1815

I BUCINTORO DELLA SERENISSIMA
The ceremonial state barges
of the Venetian Republic

GALEAZZE – Un sogno veneziano

LIBRI DI
MEZZI MILITARI

CARRO FIAT 3000
Sviluppo, tecnica, impiego

BASTI IN GROPPA!
L’artiglieria someggiata dall’Armata Sarda all’Esercito Italiano

M-113 In Italia
Veicolo Trasporto Truppe e derivati

LE TRATTRICI ITALIANE
DELLA GRANDE GUERRA
Il traino meccanico delle artiglierie
dalle origini al 1918

LINCE - Light Multirole Vehicle

CARRO M – VOLUME 2°

IL CARRO L 6
NUOVA EDIZIONE AMPLIATA

IL CARRO L 3

LE FORZE ARMATE DELLA R S I 1943-45

LE MONOGRAFIE
DEL G.M.T.

1 - UNA NAVE ETRUSCA

2 - GLI HARRIER DELLA MARINA ITALIANA

3 - LE CANNONIERE DEL GARDA
La vera storia delle “scialuppe cannoniere” (1859-1881)
e il ritrovamento del relitto della “Sesia”

4 - UNA NAVE PUNICA

5 – LE CAMIONETTE
DEL REGIO ESERCITO

6 – GALEE VENEZIANE
PER CAPO DA MAR
L’eccellenza della flotta remiera
della Serenissima

7 – I VOLONTARI DI GARIBALDI
La loro storia raccontata dai soldatini

8 - STRANGEFIGHTERS
Ovvero, F-104: Aspetti poco noti
di un velivolo molto conosciuto

LIBRI ESAURITI

DURI I BANCHI!
Le navi della Serenissima – 421/1797

VASCELLI E FREGATE DELLA SERENISSIMA
Navi di linea della marina veneziana 1652 - 1797

LE GALEE MEDITERRANEE
5000 anni di storia, tecnica e documenti

IL LEUDO
Barca da lavoro del Tirreno

LE COSTRUZIONI NAVALI

LE GALEE

COLORI E SCHEMI MIMETICI DELLA REGIA AERONAUTICA

CARRO M – Volume primo

LE MACCHINE DI PAVESI

LE AUTOCARRETTE DEL REGIO ESERCITO

DAL TL 37 ALL’AS 43

MOTORI!!! LE TRUPPE CORAZZATE ITALIANE 1919-1994

AUTOMEZZI DA COMBATTIMENTO DELL’E.I. 1912-1990



AGGIORNATO IL 24.07.2020

Syndicate   Stampa   
 NEWS GMT Riduci

Syndicate   Stampa   
 Copyright (c) 2007 Wizard  Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy