*
  
*
*
*
Login 
  lunedì 18 dicembre 2017 I CARRI E I MEZZI MILITARI FINO AL 1939 * WWI BRITISH TANK Mk.IV MALE, Tamiya 1/35 Registrazione 
 I NOSTRI INDIRIZZI Riduci

GLI INDIRIZZI DEL G.M.T.

GRUPPO MODELLISTICO TRENTINO

SEDE SOCIALE

Via Abondi 9 – TRENTO
c/o Circolo Culturale
“La Ginestra”

La Sede è aperta su richiesta dei Soci o in occasione degli incontri periodici. Per la richiesta di apertura è sufficiente contattare con adeguato anticipo il nostro Segretario, Flavio Chistè, al numero 333/2685578.
Per chi viene da fuori Trento, cliccando nel link sottostante può stampare una comoda piantina per raggiungerci.

PIANTINA SEDE (PDF)


E-MAIL DEL GRUPPO:
info@gmtmodellismo.it


PRESIDENTE E
RAPPORTI CON I SOCI:
mirko.daccordi@tin.it


VICE-PRESIDENTE,
GESTIONE DEL SITO WEB E
RESPONSABILE DEL SETTORE NAVALE:
guido.ercole@gmtmodellismo.it


SEGRETARIO:
flavio.chiste52@gmail.com
cell. 333 2685578


FOTOGRAFIA :
fotocorona@gmail.com


MOSTRE MODELLISTICHE:
girolamolorusso@gmail.com


RAPPORTI CON IL
MUSEO CAPRONI
massimocosi@tiscalinet.it


Corrispondenza:

G.M.T. – Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica
c/o Flavio Chistè
Via S.Anna, 73 - Gardolo
38121 TRENTO TN

CI TROVI ANCHE SU



A QUESTO LINK:


GMT SU FACEBOOK


GRUPPO ADERENTE AL



AGGIORNATO IL 7.11.2015

Syndicate   Stampa   
 WWI BRITISH TANK Mk.IV MALE, Tamiya 1/35 Riduci

WWI BRITISH TANK
Mk.IV MALE

Tamiya, 1/35


La Tamiya ha pensato bene di celebrare il centenario dello scoppio della 1a GM con questa nuovissima scatola dedicata al popolare carro britannico Mark IV Male, cui venne affibbiato il nome “Tank”, ossia serbatoio, per confondere lo spionaggio tedesco; un nome che divenne così popolare che oggi ogni carro armato è chiamato così. Costruito in poco più di 1.200 esemplari al costo di 5.000 Sterline cadauno (circa 23 milioni di euro attuali), questo carro conquistò subito l’immaginario collettivo per la sua sagoma romboidale e massiccia.


La copertina della scatola di montaggio del kit Tamiya.


Dopo anni in cui l’unico kit disponibile era rappresentato dal modesto modello Emhar in 1/35 è finalmente uscita, recentemente, una serie di nuove scatole dedicate a questo carro, tra cui quelle della Takom, e, a luglio 2014, anche quella della ditta giapponese che per realizzarlo ha misurato in lungo e in largo l’esemplare “Big Brute” del Tank Museum di Bovington, di cui abbiamo pubblicato un’immagine nell’inserto del Notiziario GMT 3/2014 e che apparirà prossimamente anche in un inserto specificatamente dedicato ai mezzi della 1a GM.
Il kit Tamiya si compone di 321 parti in plastica di colore marrone chiaro, di cui 156 solo per il treno di rotolamento e a cui si aggiungono 176 maglie dei cingoli in colore marrone rossiccio, più una serie di parti aggiuntive tra cui tappi in plastica morbida. C’è anche un motorino elettrico per far funzionare il tutto, un classico degli anni ’70/’80 della ditta nipponica che francamente non pensavamo di vedere più in un kit e che si spiega con il fatto che il 2014 è il 40° anniversario del primo modello radiocomandato della ditta giappoese, che uscì per l’appunto nel 1974. Si trattava dello Sherman M4 e a qualche dirigente nipponico l’idea della motorizzazione di un Mark IV deve avere fatto scattare l’idea. Poco male, a parte per il prezzo di vendita del modello in Italia, circa 80 euro, che sicuramente ha risentito della presenza di questo accessorio. L’accensione del motorino si attua con il classico comando a levetta sotto la pancia del carro, per cui se scegliete di omettere il tutto dovrete chiudere il corrispondente foro.


A sinistra: il corpo del carro prima dell’installazione
di una delle due casematte laterali.
A destra: vista interna di una delle due casematte laterali.


Il livello di dettaglio comunque è ottimo, con incastri a dir poco eccellenti anche per le maglie dei cingoli, che sono contenute in un sacchetto a parte, senza sprue di sorta. Basta prendere le maglie ad una ad una e incastrarle semplicemente fra loro, un operazione pulita e veloce che permette un rapido assemblaggio dei cingoli.
I portelli delle casematte e dei visori del posto di guida si possono montare aperti o chiusi e davvero belli sono i vari rivetti presenti sulla superficie, popolata di portelli e portellini e vari dettagli strutturali. Dove le varie lamiere di corazza si uniscono la linea è in negativo, e sulle superfici esterne non ci sono segni di estrattori di sorta.
Data la forma particolare e unica lo scafo principale è suddiviso in parte superiore, anteriore, posteriore e inferiore, con una serie di sotto-assemblaggi per gli altri elementi. Molto belli i cannoni navali da 6 libbre che armavano i mezzi, e che hanno mirini e scudature separati. L’impegno maggiore lo richiede l’assemblaggio delle 54 piccole ruote del treno di rotolamento. Trenta di esse sono in due parti separate, e le altre 24 in quattro parti… da notare che le ruote di rinvio sono da incastrare tra la parte interna ed esterna dello scafo, un operazione che si può fare agevolmente se non si incolla prima il pistone che dava la tensione al cingolo, realizzato funzionante nel kit grazie ad un tubetto di ottone, e che permette quindi di piazzare la ruota.
br>

Il modello finito in versione “Glamongam” .


Le istruzioni sono nel più classico stile Tamiya, semplici e chiare con tutti i riferimenti coloristici adeguate, di un livello ben superiore a quelle che purtroppo si trovano nei kit cinesi, anche quelli delle ditte più rinomate. Tre le versioni offerte, tutte nel monocromatico marrone medio in cui erano dipinti i mezzi inglesi dell’epoca:
1) Carro “H45 Hyacinth”, H Battalion, Francia 1917;
2) Carro “Glamorgan”, G Battalion, 1918. Il mezzo presenta delle strisce bianche e rosse sulla sommità anteriore dei cingoli ;
3) Carro “B28 Black Harrow II”, B Battalion, Fontaine-Notre-Dame, Francia, Novembre 1917.
In conclusione un modello davvero ottimo, abbastanza facile e divertente da montare, che costituirà un’eccellente aggiunta alla nostra collezione. Vivamente consigliato. Voto 9/10.



Luigi Carretta

PUBBLICATO IL 27 DICEMBRE 2014

 Stampa   
 NOTIZIE G.M.T. Riduci

A NATALE
REGALA
UN LIBRO

Approfitta dell’offerta

SCONTO 30%

cliccando nel link più sotto elencato!



I LIBRI
DEL G.M.T.

In libreria o in vendita su questo sito web, i libri dati alle stampe dal G.M.T.


Le copertine dei libri ancora disponibili.


Cliccando nei link sottostanti puoi vedere come ordinare i libri al nostro Gruppo nonché le schede dei volumi ancora disponibili.

COME ORDINARE
I LIBRI DEL G.M.T.

PROMOZIONE LIBRI
SCONTO DEL 30%

LE RECENSIONI
DELLA STAMPA

LIBRI DI
AERONAUTICA

I COLORI DEGLI AEREI
ITALIANI DELLA
GRANDE GUERRA
Ipotesi e certezze

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA
Volume secondo

ELICOTTERI E COLORI

THUNDER TRICOLORI
REPUBLIC F-84F E RF-84-F

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA

I CACCIA ITALIANI DELLA SERIE 80

ITALIAN SPECIAL COLOURS

LIBRI DI NAVI

VENEZIA ‘800: BUFERA IN ARSENALE
La Marina veneziana
nel ventennio napoleonico (1796-1815

DURI I BANCHI!
Le navi della Serenissima – 421/1797

I BUCINTORO DELLA SERENISSIMA
The ceremonial state barges
of the Venetian Republic

VASCELLI E FREGATE DELLA SERENISSIMA
Navi di linea della marina veneziana 1652 - 1797

GALEAZZE – Un sogno veneziano

LIBRI DI
MEZZI MILITARI

M-113 In Italia
Veicolo Trasporto Truppe e derivati

LE TRATTRICI ITALIANE
DELLA GRANDE GUERRA
Il traino meccanico delle artiglierie
dalle origini al 1918

LINCE - Light Multirole Vehicle

CARRO M – VOLUME 2°

IL CARRO L 6

IL CARRO L 3

LE FORZE ARMATE DELLA R S I 1943-45

LE MONOGRAFIE
DEL G.M.T.

1 - UNA NAVE ETRUSCA

2 - GLI HARRIER DELLA MARINA ITALIANA

3 - LE CANNONIERE DEL GARDA
La vera storia delle “scialuppe cannoniere” (1859-1881)
e il ritrovamento del relitto della “Sesia”

4 - UNA NAVE PUNICA

5 – LE CAMIONETTE
DEL REGIO ESERCITO

6 – GALEE VENEZIANE
PER CAPO DA MAR
L’eccellenza della flotta remiera
della Serenissima



AGGIORNATO IL 10.12.2017

Syndicate   Stampa   
 NEWS GMT Riduci

Syndicate   Stampa   
 Copyright (c) 2007 Wizard  Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy