*
  
*
*
*
Login 
  sabato 21 ottobre 2017 NAVI E IMBARCAZIONI * U.S.S. ARIZONA Registrazione 
 I NOSTRI INDIRIZZI Riduci

GLI INDIRIZZI DEL G.M.T.

GRUPPO MODELLISTICO TRENTINO

SEDE SOCIALE

Via Abondi 9 – TRENTO
c/o Circolo Culturale
“La Ginestra”

La Sede è aperta su richiesta dei Soci o in occasione degli incontri periodici. Per la richiesta di apertura è sufficiente contattare con adeguato anticipo il nostro Segretario, Flavio Chistè, al numero 333/2685578.
Per chi viene da fuori Trento, cliccando nel link sottostante può stampare una comoda piantina per raggiungerci.

PIANTINA SEDE (PDF)


E-MAIL DEL GRUPPO:
info@gmtmodellismo.it


PRESIDENTE E
RAPPORTI CON I SOCI:
mirko.daccordi@tin.it


VICE-PRESIDENTE,
GESTIONE DEL SITO WEB E
RESPONSABILE DEL SETTORE NAVALE:
guido.ercole@gmtmodellismo.it


SEGRETARIO:
flavio.chiste52@gmail.com
cell. 333 2685578


FOTOGRAFIA :
fotocorona@gmail.com


MOSTRE MODELLISTICHE:
girolamolorusso@gmail.com


RAPPORTI CON IL
MUSEO CAPRONI
massimocosi@tiscalinet.it


Corrispondenza:

G.M.T. – Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica
c/o Flavio Chistè
Via S.Anna, 73 - Gardolo
38121 TRENTO TN

CI TROVI ANCHE SU



A QUESTO LINK:


GMT SU FACEBOOK


GRUPPO ADERENTE AL



AGGIORNATO IL 7.11.2015

Syndicate   Stampa   
 U.S.S. ARIZONA Riduci

U.S.S. ARIZONA

TRUMPETER scala 1/200


La U.S.S. Arizona, costruita nella prima metà degli anni ’10 dello scorso secolo e varata nel 1915 era, al momento del varo, una delle maggiori corazzate in servizio, dotata di 12 cannoni principali da 356/45. La corazzata venne destinata assieme all’altra unità della sua classe, la U.S.S. Pennsylvania, alla forza navale del Pacifico e venne rimodernata alla fine degli anni ’30.


La copertina della scatola di montaggio.


Si trovava a Pearl Harbour al momento dell’attacco giapponese e fu gravemente colpita dalla prima ondata di bombardieri e siluranti. Durante questo attacco un bombardiere in picchiata giapponese, particolarmente abile e fortunato, riuscì a piazzare una bomba in verticale dentro al camino della nave, l’unica parte dove c’era un grosso varco non corazzato dell’intero ponte. La bomba riuscì in tal modo a penetrare all’interno dello scafo esplodendo poi nella santabarbara e facendo saltare in aria in un solo istante tutta la nave che affondò posandosi sul fondo del porto.
Per le estese distruzioni riportate fu giudicata irrecuperabile e lasciata lì sino a quando, al termine della guerra, venne dichiarata sacrario nazionale americano in onore dei caduti dell’US Navy. Ancora oggi giace sul fondale di Pearl Harbour, i pozzi delle torri sporgenti dall’acqua sormontati da un monumento in cemento che consente la vista dello scafo sommerso, a perenne memoria dei 1200 marinai che vi persero la vita il 7 dicembre 1941.


L’Arizona Memorial di Pearl Harbour.


Quando abbiamo letto la scala in cui questo modello è stato realizzato abbiamo avuto un momento di incredulità: 1/200 è veramente una scala grande per una nave di queste dimensioni. Significa pressappoco un modello finito lungo ben 93 centimetri! La curiosità era quindi tanta e sin dall’inizio non è andata delusa: la scatola è veramente grande e pesante circa 3,5 chilogrammi. All’interno ci sono altre tre scatole, che contengono lo scafo e le parti più delicate mentre, sotto fogli di cartone protettivi, sono posizionate le altre stampate.
Il modello ha lo scafo diviso orizzontalmente, di colore rosso per la parte inferiore e grigio per tutto il resto, in modo da potere essere costruito come modello a scafo completo o water-line. Gli incastri sono, come al solito, precisi e robusti, non ci sono sbavature di sorta e seguendo una buona prassi ormai consolidata tutti i segni di estrazione ecc. sono in zone che rimangono ben nascoste a montaggio avvenuto. Il dettaglio complessivo è veramente ottimo, fine e preciso, eccezion fatta per le scale delle sovrastrutture che, a nostro parere, sono decisamente sovradimensionate.


Le ‘’stampate’’ del modello.


Il foglio decals è molto chiaro e ne viene fornito inoltre un altro relativo alle varie bandiere di segnalazione da cui potere ricavare, per i più volenterosi, anche un gran pavese. La nave era fornita anche di due idrovolanti Vought Kingfisher, riprodotti in plastica trasparente da mascherare opportunamente per ricavare i vetri dell’abitacolo, che nell’originale era davvero grande.
In generale la costruzione richiede una buona dose di pazienza, i pezzi sono numerosi e qualche passaggio, come quelli attorno ai torrioni, richiedono una certa attenzione. Una notevole miglioria al modello può essere fatta con l’ausilio del foglio di fotoincisioni dedicato alla nave, sempre della stessa Trumpeter, completo anche di una serie di canne tornite per le torri.
Il set comprende anche delle parti per la realizzazione delle gru, le scale ecc, ma non la scaletta di accesso esterna alla nave.


Il modello dell’U.S.S. Arizona.


Infine una piccola nota negativa: manca del tutto una base di supporto per la nave finita. Non sappiamo se si tratti di semplice dimenticanza, anche se propendiamo per una precisa volontà, state le dimensioni e il peso che un simile supporto dovrebbe avere per sorreggere il tutto. Viene quindi lasciata al modellista la scelta di quale materiale usare per mettere il mostra la sua ‘’Arizona’’.
Nel complesso si tratta comunque un modello assai notevole e che farà la felicità degli appassionati di corazzate che, presumiamo, non si faranno certo fermare dal prezzo, circa 160 euro, chiesto per portarsi a casa questo vero e proprio bestione.

Luigi Carretta



ARTICOLO PUBBLICATO IL 16 GENNAIO 2011

Syndicate   Stampa   
 NOTIZIE G.M.T. Riduci

I LIBRI
DEL G.M.T.

In libreria o in vendita su questo sito web, i libri dati alle stampe dal G.M.T.


Le copertine dei libri ancora disponibili.


Cliccando nei link sottostanti puoi vedere come ordinare i libri al nostro Gruppo nonché le schede dei volumi ancora disponibili.

COME ORDINARE
I LIBRI DEL G.M.T.

PROMOZIONE LIBRI
SCONTO DEL 30%

LE RECENSIONI
DELLA STAMPA

LIBRI DI
AERONAUTICA

I COLORI DEGLI AEREI
ITALIANI DELLA
GRANDE GUERRA
Ipotesi e certezze

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA
Volume secondo

ELICOTTERI E COLORI

THUNDER TRICOLORI
REPUBLIC F-84F E RF-84-F

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA

I CACCIA ITALIANI DELLA SERIE 80

ITALIAN SPECIAL COLOURS

LIBRI DI NAVI

VENEZIA ‘800: BUFERA IN ARSENALE
La Marina veneziana
nel ventennio napoleonico (1796-1815

DURI I BANCHI!
Le navi della Serenissima – 421/1797

I BUCINTORO DELLA SERENISSIMA
The ceremonial state barges
of the Venetian Republic

VASCELLI E FREGATE DELLA SERENISSIMA
Navi di linea della marina veneziana 1652 - 1797

GALEAZZE – Un sogno veneziano

LIBRI DI
MEZZI MILITARI

M-113 In Italia
Veicolo Trasporto Truppe e derivati

LE TRATTRICI ITALIANE
DELLA GRANDE GUERRA
Il traino meccanico delle artiglierie
dalle origini al 1918

LINCE - Light Multirole Vehicle

CARRO M – VOLUME 2°

IL CARRO L 6

IL CARRO L 3

LE FORZE ARMATE DELLA R S I 1943-45

LE MONOGRAFIE
DEL G.M.T.

1 - UNA NAVE ETRUSCA

2 - GLI HARRIER DELLA MARINA ITALIANA

3 - LE CANNONIERE DEL GARDA
La vera storia delle “scialuppe cannoniere” (1859-1881)
e il ritrovamento del relitto della “Sesia”

4 - UNA NAVE PUNICA

5 – LE CAMIONETTE
DEL REGIO ESERCITO



AGGIORNATO IL 10.06.2017

Syndicate   Stampa   
 NEWS GMT Riduci

Syndicate   Stampa   
 Copyright (c) 2007 Wizard  Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy