*
  
*
*
*
Login 
  sabato 23 giugno 2018 Registrazione 
 IL NOSTRO SITO Riduci
Cliccando nella sovrastante BARRA BLU si possono aprire le varie “finestre” del nostro sito. In tal modo si potrà vedere CHI SIAMO (visitando anche la FOTO GALLERY dei modelli realizzati dai nostri associati), conoscere gli studi dei nostri Soci - e non solo - messi a disposizione di tutti gli appassionati di storia e di modellismo nonché le ricerche pubblicate nei nostri LIBRI e nella nostra RIVISTA. Si potranno, inoltre, leggere gli ARTICOLI scritti dai nostri collaboratori, rivivere i più importanti EVENTI G.M.T.che abbiamo realizzato in tutti questi anni, o, infine, entrare nei più interessanti siti in materia di storia e modellismo presenti sul web tramite I LINK.
Inoltre, per migliorare sempre più le nostre immagini a disposizione di tutti gli appassionati di modellismo, abbiamo attivato una “Foto Gallery ad alta definizione”. Puoi vederla cliccando nel link sottostante:

FOTO GALLERY H.D.



Alcuni dei modelli presenti
nelle nostre “Gallerie”.


Buona visione a tutti!

AGGIORNATO IL 2.03.2018

Syndicate   Stampa   
 I NOSTRI INDIRIZZI Riduci

GLI INDIRIZZI DEL G.M.T.

GRUPPO MODELLISTICO TRENTINO

SEDE SOCIALE

Via Abondi 9 – TRENTO
c/o Circolo Culturale
“La Ginestra”

La Sede è aperta su richiesta dei Soci o in occasione degli incontri periodici. Per la richiesta di apertura è sufficiente contattare con adeguato anticipo il nostro Segretario, Flavio Chistè, al numero 333/2685578.
Per chi viene da fuori Trento, cliccando nel link sottostante può stampare una comoda piantina per raggiungerci.

PIANTINA SEDE (PDF)


E-MAIL DEL GRUPPO:
info@gmtmodellismo.it


PRESIDENTE E
RAPPORTI CON I SOCI:
mirko.daccordi@tin.it


VICE-PRESIDENTE,
GESTIONE DEL SITO WEB E
RESPONSABILE DEL SETTORE NAVALE:
guido.ercole@gmtmodellismo.it


SEGRETARIO:
flavio.chiste52@gmail.com
cell. 333 2685578


FOTOGRAFIA :
fotocorona@gmail.com


MOSTRE MODELLISTICHE:
girolamolorusso@gmail.com


RAPPORTI CON IL
MUSEO CAPRONI
massimocosi@tiscalinet.it


Corrispondenza:

G.M.T. – Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica
c/o Flavio Chistè
Via S.Anna, 73 - Gardolo
38121 TRENTO TN

CI TROVI ANCHE SU



A QUESTO LINK:


GMT SU FACEBOOK


GRUPPO ADERENTE AL



AGGIORNATO IL 7.11.2015

Syndicate   Stampa   
 LA NOSTRA RIVISTA Riduci
Il ”NOTIZIARIO MODELLISTICO”

Il G.M.T. – Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica pubblica da circa trent’anni il ’Notiziario Modellistico’’ che è la rivista ufficiale del Gruppo e viene inviata gratuitamente a tutti i soci.


Le copertine degli ultimi numeri.

Vengono pubblicati tre numeri ogni anno e, in ogni numero, sono presenti articoli storico-modellistici che trattano le varie specialità del modellismo statico: aeronautico, navale, figurinistico, dei carri e dei mezzi militari o civili.
Partiti da un semplice ciclostilato fatto in casa, la rivista si è via via evoluta passando alla stampa e, negli ultimi numeri grazie anche ai progressi introdotti dai personal computer sempre più ‘’grafici’’ ed evoluti, anche al colore.
RICORDIAMO COMUNQUE CHE IL ”NOTIZIARIO MODELLISTICO” VIENE REALIZZATO IN TIRATURA LIMITATA ESSENDO UNA PUBBLICAZIONE GRATUITA DESTINATA AI SOCI. LA DISPONIBILITA’ RESIDUA E’ QUINDI, SEMPRE, MOLTO RIDOTTA. PERTANTO, PER OTTENERE REGOLARMENTE TUTTI I NUMERI, E’ OPPORTUNO DIVENTARE SOCI DEL G.M.T.
Cliccando nel link sottostante puoi avere un’idea dei nostri lavori e vedere anche gli argomenti trattati dal 1985 ad oggi. Ci sono anche le istruzioni per i non soci che desiderassero procurarsi i numeri finora usciti e ancora disponibili del nostro ‘’Notiziario’’ .

IL NOTIZIARIO MODELLISTICO




Il Gruppo Modellistico Trentino tutela i propri collaboratori non diffondendo i loro dati personali o i recapiti. E’ tuttavia possibile contattare gli autori od ottenere chiarimenti in merito a quanto pubblicato contattando il Direttore Responsabile della testata, all’indirizzo:

direttorenotiziario@
gmtmodellismo.it

AGGIORNATO IL 21.06.2018

Syndicate   Stampa   
 MOSTRE E CONCORSI Riduci
PROSSIMI APPUNTAMENTI
DA RICORDARE




1/12/2017 - 2/12/2018

L’ULTIMO ANNO, 1917/1918
c/o Gallerie di Piedicastello - TRENTO
Manifestazione a cura della:
FONDAZIONE MUSEO STORICO DEL TRENTINO

Informazioni nel sito:

FONDAZIONE MUSEO STORICO




22-30/09/2018

XI VERONA MODEL SHOW
c/o Palazzo della Gran Guardia - VERONA
Manifestazione a cura della:
ASSOCIAZIONE MODELLISMO STORICO

Informazioni nel sito:

AMS - VERONA




6-7/10/2018

4° CONCORSO DI MODELLISMO STATICO “TROFEO PICCHIATELLI”
c/o Biblioteca - Sala Polivalente – SANZOROSCIATE (BG)
Manifestazione a cura del:
GRUPPO MODELLISTICO PICCHIATELLI

Informazioni nel sito:

PICCHIATELLI




12-14/10/2018

2° CAMPIONATO NAZIONALE C.I.M.S. DI MODELLISMO STATICO
c/o Centro Espositivo Camera di Commercio, Via Fratelli Pomilio – CHIETI SCALO
Manifestazione a cura del:
C.I.M.S.

Informazioni nel sito:

C.I.M.S.




AGGIORNATO AL 23/06/2018

Syndicate   Stampa   
 SUGGERIMENTI G.M.T. Riduci

Syndicate   Stampa   
 G.M.T. - GRUPPO MODELLISTICO TRENTINO DI STUDIO E RICERCA STORICA Riduci

Syndicate   Stampa   
 NEWS Riduci

ASSEMBLEA GENERALE G.M.T.
STRAORDINARIA 2018

Il Consiglio Direttivo del Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica ha deliberato di convocare un’Assemblea Generale Straordinaria dei Soci del G.M.T.
- in prima convocazione per venerdì 29.6.2018, alle ore 23,30 presso la sede del Gruppo in via Abondi, 9 a Trento, - in seconda convocazione per sabato 30 giugno 2018 alle ore 16,00 presso la sede del Gruppo in via Abondi, 9 a Trento.
Gli argomenti all’Ordine del Giorno saranno i seguenti:
- Trasformazione del Gruppo Modellistico Trentino di studio e ricerca storica da Associazione Culturale in A.P.S. – Associazione di Promozione Sociale.
- Variazione dello Statuto.
- Varie ed eventuali.
Come si può evincere dall’Ordine del Giorno gli argomenti sono di fondamentale importanza per il prosieguo dell’attività del G.M.T., per cui si raccomanda la massima partecipazione.
Segnaliamo che, per chi provenisse da fuori Trento con mezzi pubblici, sarà possibile concordare un trasporto “navetta” dalla Stazione dei treni/autocorriere. Sarà sufficiente segnalare la cosa alla Segreteria (tel. 0461/961599 orario serale – cell. 333/2685578) entro mezzogiorno di venerdì 29 giugno.
Per chi non potesse partecipare, si riporta (nell’apposito link) il modulo di delega da spedire firmata (entro venerdì 29 giugno) esclusivamente in originale all’indirizzo della Segreteria: Flavio Chistè – Via S. Anna, 73 – 38121 TRENTO.
Per chi provenisse da fuori città con mezzi propri si riporta, per comodità, una piantina per raggiungere il più agevolmente possibile la sede del G.M.T. ove sarà possibile parcheggiare senza problemi.
Ulteriori informazioni su O.d.G., modalità di partecipazione e dettagli vari li potete trovare nella Convocazione Ufficiale nel link sottostante.

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA
STRAORDINARIA DEI SOCI 2018 (PDF)


Per chi non potesse partecipare di persona si riporta il modulo di

DELEGA STRAORDINARIA 2018 (PDF)


Forniamo infine anche la relativa

PIANTINA SEDE (PDF)


per arrivare alla Sede di Via Abondi, 9 a Trento.

AGGIORNATO IL 16 GIUGNO 2018

Syndicate   Stampa   
 NEWS GMT Riduci

MACCHI MC 205V “VELTRO”

Kit Supermodel, 1/72

Il Macchi M.C. 205V “Veltro” è un aereo da caccia italiano, monomotore a elica, progettato da Mario Castoldi e costruito dalla Aeronautica Macchi a partire dal 1942. Assieme al Reggiane Re.2005 “Sagittario” e al Fiat G.55 “Centauro”, il Macchi M.C.205 era uno dei tre caccia italiani della "serie 5" progettata per utilizzare il motore tedesco Daimler-Benz DB 605 da 1475 CV.


Il modello del Macchi MC 205V “Veltro” in scala 1/72
dell’Aeronautica Cobelligerante nel settembre 1943.
Vista laterale.


Il “Veltro” fu il logico sviluppo del Macchi M.C. 202 “Folgore”, che impiegava il motore meno potente Daimler-Benz DB 601 da 1175 CV ed entrò in linea con la Regia Aeronautica a partire dal febbraio 1943.
Fu in linea con l’aeronautica italiana e poi con quella egiziana fino all’inizio degli anni cinquanta del secolo scorso.
Era armato con 2 mitragliatrici Breda-SAFAT calibro 12,7 mm in caccia in fusoliera che sparavano a tiro sincronizzato attraverso l'elica, con 400 cartucce per arma, e 2 Breda-SAFAT calibro 7,7 mm alari che sparavano al di fuori del cerchio dell’elica, con 500 cartucce per arma, sostituite, a partire dalla Serie III, con un paio di cannoncini alari da 20 mm.
La sua velocità massima era di 642 km/h a 7200 m e aveva una velocità di crociera di circa 500 km/h.
Le officine della Macchi avevano però come "difetto" quello di esser organizzate per una produzione "artigianale", che si traduceva in lunghi tempi di lavorazione. Le ore di lavoro necessarie per realizzare questo aereo erano infatti circa 20.000, quasi il triplo rispetto a quelle necessarie per produrre un Messerschmitt BF 109G (ma non molto diverse, comunque, da quelle necessarie per costruire uno Spitfire).
In pratica questa carenza, che l’MC 205V aveva ereditato dal suo predecessore MC 202 per il quale necessitavano circa 18.000 ore di lavoro per esser costruito, non limitò mai la velocità di produzione dell'aereo.


Altre due immagini del modello del Macchi MC 205V “Veltro” in scala 1/72
dell’Aeronautica Cobelligerante nel settembre 1943.


Gli stabilimenti di produzione dei caccia sia della "serie intermedia" che della "serie 5", infatti, lavorarono sempre a ritmo ridotto rispetto alle loro possibilità, data la lentezza dell'Alfa Romeo e della Fiat nel fornire loro i motori necessari a causa della sempre maggiore difficoltà di procurarsi i materiali strategici necessari per le costruzioni aeronautiche. Il ritmo di produzione dell’MC 205V fu di circa 12 aerei al mese, contro i circa 36 dell’MC 202. Questo fu, pertanto, il vero collo di bottiglia nella produzione italiana di caccia moderni durante la Seconda Guerra Mondiale.
Il modello, ricavato da una vecchia scatola della Supermodel, ripropone un aereo in carico alla 73ª Squadriglia (4° Stormo/9° Gruppo) che alla fine di settembre del 1943 compì una missione nei cieli di Roma, allora occupata dai tedeschi, partendo dall’aeroporto di Foggia per lanciare dei manifestini di propaganda.


Un Macchi MC 205V “Veltro” restaurato ai giorni nostri
con i colori dell’Aeronautica Cobelligerante nel settembre 1943.


Era un aereo della serie III, mimetizzato con la classica mimetica “ad anelli di fumo”, sul quale erano state applicate le nuove insegne tricolori dell’Aeronautica Cobelligerante che operava dalle basi del Sud Italia e della Sardegna.
Anche questo modello è attualmente esposto, assieme agli altri modelli di aerei italiani in scala 1/72 della mia collezione, presso il Museo dell’Aeronautica ‘’Gianni Caproni’’ di Trento.

Guido Ercole


PUBBLICATO IL 22 GIUGNO 2018

Syndicate   Stampa   
 News Riduci

FELUCA NAPOLETANA

Modello di Massimo Splendore

Il nome FELUCA è di origine araba ed era una imbarcazione abbastanza comune nel Mediterraneo, cominciò a comparire fuori dalla zona araba sin dal 1371 lungo le coste della Catalogna, fino ad espandere la sua presenza, ma molto più tardi (circa 200 anni dopo), nella marineria italiana dalle coste a nord della Sardegna fino alle coste venete.


Il modello di “Feluca napoletana”
realizzato da Massimo Splendore,
vista laterale.


Nella guerra anglo-spagnola la Invincibile Armata sotto il Regno di Spagna di Filippo II a 20 fregate aggregò 20 Feluche napoletane.
Tra il 1570 e il 1580 vi fu una presenza massiccia di Feluche nel commercio genovese, napoletano e siciliano; la propulsione a vela era costituita da una vela a tarchia ed un fiocco e secondo le dimensioni le Feluche avevano da 6 a dieci remi per lato; per la protezione dei carichi potevano essere armate con un cannone a prora e moschetti su forcelle lungo le murate.
La FELUCA quindi era presente su tutte le coste italiane da Genova a Venezia con una prosperità di cantieri navali specializzati nella loro costruzione e con rezzi relativamente molto più bassi rispetto ad altre imbarcazioni da trasporto.
Le origini della FELUCA NAPOLETANA pare essere intorno al 1570. Essa era impiegata come nave da trasporto e come nave ausiliaria delle navi da guerra. La sua linea snella e leggera permetteva di solcare il mare con una discreta velocità ed assaltare con il suo sperone le più pesanti navi nemiche in attacco comparendo al fianco senza dare il tempo di manovrare in difesa.


Il predetto modello di “Feluca napoletana”.
A sinistra: vista di prua, a destra: vista di poppa.


Per la sua linea affinata ed elegante, decorata poi con fregi e sculture in oro, fu impiegata come nave di rappresentanza e di cerimonia conservando il ricco sperone con un imponente polena e una propulsione per lo più a remi.
Il modello realizzato è un esemplare “superstite” denominato appunto di “rappresentanza”. Si tratta di una imbarcazione del Settecento che apparteneva alla nobile famiglia napoletana dei Mezzacapo di Monterosso che, donata alla Marina Militare, fu salvata e portata al Museo Navale d Venezia nel 1963.


La “Feluca napoletana conservata al
MuseoStorico Navale di Venezia


La Feluca Napoletana conservata a Venezia portava il nome “Lusoria” ed è con essa che nel XVIII secolo il marchese Guido Mezzacapo di Monterosso si recò per il suo ultimo viaggio da Maiori a Malta osteggiando la signorilità della sagoma con la sua aggressività data dallo sperone.

Un grazie a Massimo per le foto e un complimento per lo splendido modello da parte di tutto il G.M.T.

PUBBLICATO L’8 GIUGNO 2018

Syndicate   Stampa   
 NEWS Riduci

E’ USCITO IL NUOVO
VOLUME DEL G.M.T.

CARRO FIAT 3000

Sviluppo, tecnica, impiego
di Antonio e Andrea Tallillo e Daniele Guglielmi

ISBN: 978-88-98631-12-4


Volume di 128 pagine formato A/4 (21x29,7) su carta patinata opaca da 115 grammi, con copertina in cartoncino plastificato a quattro colori.


La copertina del libro.


Questo lavoro presenta la nascita dei primi reparti corazzati italiani, le loro macchine e armi, gli uomini che vi si sono dedicati con spirito pionieristico.
Il protagonista principale è il carro Fiat 3000, che non può essere considerato semplicemente un derivato del francese FT.
Gli aspetti storici e tecnici vengono presentati in dettaglio e con rigore documentale, grazie anche a quindici inserti d’approfondimento al testo; più di centodieci immagini d’epoca, molte delle quali inedite, e trentanove tavole a colori mostrano interessanti schemi mimetici, anche relativi ad altre nazioni, e numerosi dettagli, sempre utili ai modellisti.
Inoltre, una quindicina di disegni in bianco e nero illustrano le varie configurazioni assunte dal Fiat 3000 durante i suoi lunghi anni di servizio.
Non mancano accenni alle uniformi degli equipaggi e alle loro dotazioni.
Gli autori sono soci e collaboratori del G.M.T. da molti anni con il quale hanno già realizzato diversi volumi e moltissimi articoli di carattere storico-modellistico. Sono inoltre apprezzati storici che collaborano con editori e riviste del settore per i quali hanno realizzato diversi volumi e studi sui mezzi corazzati.
Prezzo al pubblico: €uro 28,00.
I Soci in regola con le quote associative del 2018 possono richiedere una copia del libro GRATUITA, compilando l’apposita ‘’scheda d’ordine’’ scaricabile da questo sito. Possono richiedere inoltre ulteriori esemplari con il consueto sconto del 30% .

Come sempre spese di spedizione gratuite per tutti, in tutta Italia.

PUBBLICATO IL 2 GIUGNO 2018

Syndicate   Stampa   
 I LIBRI DEL G.M.T. Riduci

I LIBRI
DEL G.M.T.

In libreria o in vendita su questo sito web, i libri dati alle stampe dal G.M.T.


Le copertine dei libri ancora disponibili.


Cliccando nei link sottostanti puoi vedere come ordinare i libri al nostro Gruppo nonché le schede dei volumi ancora disponibili.

COME ORDINARE
I LIBRI DEL G.M.T.

PROMOZIONE LIBRI
SCONTO DEL 30%

LE RECENSIONI
DELLA STAMPA

LIBRI DI
AERONAUTICA

I COLORI DEGLI AEREI
ITALIANI DELLA
GRANDE GUERRA
Ipotesi e certezze

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA
Volume secondo

ELICOTTERI E COLORI

THUNDER TRICOLORI
REPUBLIC F-84F E RF-84-F

ARALDICA DELLA REGIA AERONAUTICA

I CACCIA ITALIANI DELLA SERIE 80

ITALIAN SPECIAL COLOURS

LIBRI DI NAVI

VENEZIA ‘800: BUFERA IN ARSENALE
La Marina veneziana
nel ventennio napoleonico (1796-1815

DURI I BANCHI!
Le navi della Serenissima – 421/1797

I BUCINTORO DELLA SERENISSIMA
The ceremonial state barges
of the Venetian Republic

VASCELLI E FREGATE DELLA SERENISSIMA
Navi di linea della marina veneziana 1652 - 1797

GALEAZZE – Un sogno veneziano

LIBRI DI
MEZZI MILITARI

CARRO FIAT 3000
Sviluppo, tecnica, impiego

BASTI IN GROPPA!
L’artiglieria someggiata dall’Armata Sarda all’Esercito Italiano

M-113 In Italia
Veicolo Trasporto Truppe e derivati

LE TRATTRICI ITALIANE
DELLA GRANDE GUERRA
Il traino meccanico delle artiglierie
dalle origini al 1918

LINCE - Light Multirole Vehicle

CARRO M – VOLUME 2°

IL CARRO L 6

IL CARRO L 3

LE FORZE ARMATE DELLA R S I 1943-45

LE MONOGRAFIE
DEL G.M.T.

1 - UNA NAVE ETRUSCA

2 - GLI HARRIER DELLA MARINA ITALIANA

3 - LE CANNONIERE DEL GARDA
La vera storia delle “scialuppe cannoniere” (1859-1881)
e il ritrovamento del relitto della “Sesia”

4 - UNA NAVE PUNICA

5 – LE CAMIONETTE
DEL REGIO ESERCITO

6 – GALEE VENEZIANE
PER CAPO DA MAR
L’eccellenza della flotta remiera
della Serenissima



AGGIORNATO IL 21.06.2018

Syndicate   Stampa   
 CENTENARIO Iª GUERRA MONDIALE Riduci


Sono iniziate in tutta Europa le manifestazioni in ricordo del centenario di quel terribile conflitto che fu la Prima Guerra Mondiale e che dureranno dal 2014 al 2018. Anche il G.M.T. intende dare il proprio piccolo contributo a questi progetti presentando durante tale lasso di tempo in questo sito e tra le proprie pubblicazioni diversi studi storici e articoli di modellismo dedicati all’argomento.
Queste nostre iniziative saranno evidenziate dal logo appositamente creato e che appare sopra riportato.
Puoi inoltre consultare le nostre iniziative cliccando nei link che verranno via via aggiunti qui di seguito non appena i nostri lavori saranno pubblicati.


FIGURINI ITALIANI
DELLA GRANDE GUERRA
Kit ICM Plastic Model, 1/35

FOKKER DR.1
Kit Revell, 1/72

OBICE DA 305/17
Kit Crielmodel, 1/35

LE TRATTRICI ITALIANE
DELLA GRANDE GUERRA
Il traino meccanico delle artiglierie
dalle origini al 1918

NIEUPORT Ni-11 “BEBÉ”
Revell, 1/72 modificato

MACCHI M-9
Choroszy Modelbud, 1/72

MORTAIO DA 210/8 D.S.
Kit Crielmodel, 1/35

CAUDRON G3
Autocostruito, 1/72

CANNONE DA 149/35 MOD. 1917
Kit Crielmodel, 1/35

IL CAPRONI CA 3

MACCHI – LÖHNER L-3
Kit ”vacuformed” KPL, 1/72

ANSALDO - SVA 5

ARMI AUSTRIACHE DELLA 1a G.M.

L’AEROPORTO DEL CIRE’
DI PERGINE

AUTOBLINDO AUSTIN PUTILOV
Kit Sparta Modellbau, 1/35

WWI BRITISH TANK Mk.IV MALE
Kit Tamiya, 1/35

L’INCROCIATORE AURORA

ECHI NEL SILENZIO
Paesaggi della Grande Guerra
dal Garda al Pasubio

FANTE, 47° Reggimento - 1917
Metal Modeles – 54 mm mod.


AGGIORNATO IL 27.11.2017

Syndicate   Stampa   
 NEWS MODELLISTICHE Riduci

Syndicate   Stampa   
 TECNICHE MODELLISTICHE Riduci
Cliccando nei LINK sottostanti puoi trovare o stamparti interessanti documenti scritti da nostri Soci per approfondire le tue conoscenze tecniche e migliorare le tue capacità modellistiche.

ALCLAD ALC-204
HOLOMATIC SAPPHIRE

AEROGRAFIA E
PLASTIMODELLISMO

TRUMPETER
LINE ENGRAVER

TRUMPETER
DECAL TRAY

TRUMPETER
SANDPAPER GRIP

GMT EXPERIMENTAL
COME REALIZZARE UN AN/ALQ.144

BASI IN CARTONCINO PER DIORAMI
“NOY’S MINIATURE”


AGGIORNATO IL 13.07.2015

Syndicate   Stampa   
 Copyright (c) 2007 Wizard  Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy